giovedì 17 marzo 2011

Not in my garden


Vi ricordate i Cicchitto, i Romani, i Casini, i Veronesi, le Prestigiacomo e compagnia bella, tutti fermi e determinati con cose tipo "sul nucleare non si può cambiare idea ogni minuto"? Certo, ufficialmente la linea, pur essendosi notevolmente "intiepidita" nelle ultime ore, è sempre quella. Ma tra il governo centrale e i vari esponenti locali si evidenzia una certa discrepanza di vedute.

L'Espresso ha raccolto un interessante elenco di dichiarazioni in proposito. Eloquenti, mi pare, specialmente considerando che il referendum si avvicina e le amministrative pure.

Ah, per la cronaca segnalo pure la retromarcia di Chicco Testa.

Nessun commento:

Retorica di guerra

È noto, o almeno dovrebbe essere noto, che le parole hanno un peso. A maggior ragione ha un peso la loro associazione, anche se spesso, comp...