sabato 5 marzo 2011

Provate a leggerle al contrario

Dagli sproloqui di oggi del teleimbonitore:

"Presenteremo la riforma della giustizia giovedì. E' una riforma che sarà epocale"

"Nessun governo mai ha fatto così bene"

"Io non ho mai attaccato la scuola pubblica"

"Abbiamo difeso la scuola pubblica con le riforme"

"I sondaggi ci dicono che siamo sempre il primo partito in Italia"

"Il nucleare è l'unica alternativa possibile a petrolio e gas"

"l nostro governo ha lavorato per aumentare la sicurezza delle donne"

Queste sono quelle a mio parere più divertenti. Ecco, adesso per avere un quadro esatto della situazione prendetene una per una e invertite il significato.

Ah, dimenticavo, ho lasciato per ultima la più bella:

"ho solo proposto un bonus per le famiglie meno abbienti che si trovino in questa situazione in modo che possano mandare i loro figli in una scuola privata"

L'idea del bonus non è male. Io però sarei più propenso a darlo a tutte quelle famiglie che mandano i figli alla scuola pubblica e che ogni anno devono contribuire per l'acquisto della carta igienica o del materiale per le pulizie o per la cancelleria. Non sarebbe speso meglio?

1 commento:

  1. io sarei per un bonus a Berlusconi per la prossima missione su marte. di sola andata.
    Non mi interessa se avverrà fra 10 anni. Intanto ce lo leveremo dalle scatole una volta per tutte.

    RispondiElimina

Vangelis (un ricordo)

Leggere della dipartita di Vangelis mi è dispiaciuto. Stimavo il grande compositore greco non solo e non tanto per la quantità di colonne s...