mercoledì 21 ottobre 2009

Perché Marino

Voterò Ignazio Marino perché è un chirurgo che ha le idee chiare in materia di biotestamento e norme sull’espianto degli organi. Lo voterò perché trovo efficace il suo linguaggio medico prestato alla pietosa diagnosi del partito democratico in cui milita. Ecco perché è il candidato che ha meno chance di diventarne segretario. Tuttavia mi piace immaginare un Ignazio Marino capace di estirpare dal partito metastasi come la Binetti, Rutelli e tutte le cellule maligne teodem(enti) da trapiantare con persone veramente laiche, democratiche e capaci di un’opposizione seria alla coalizione a maggioranza di piduisti.

Voterò Ignazio Marino perché nel moribondo Pd è stato il candidato più netto sulla bocciatura del dolo alfano: “Finalmente ristabilito il principio di eguaglianza davanti alla legge“.
Voterò Ignazio Marino perché si tiene alla larga da Agazio Loiero e Antonio Bassolino.


Non ho ancora deciso se andrò domenica prossima a votare alle primarie del Pd. E non perché mi scocci tirare fuori i due euro di contributo obbligatorio per le spese, ma per tutta una serie di motivi che ho già elencato a più riprese in queste pagine. Confermo comunque, come del resto ho già fatto alcuni giorni fa, che nell'eventualità voterei Ignazio Marino. E per gli stessi motivi elencati in questo post da Daniele.

Nessun commento:

Posta un commento

Il senso di Gino Cecchettin

Boh, non capisco tutto questo astio nei confronti di Gino Cecchettin.  Per come la vedo io, si tratta di un uomo che si sta semplicemente ad...