venerdì 9 ottobre 2009

Daniele sul lodo

Diciamo che io avrei usato un linguaggio un po' più "tranquillo", ma i concetti mi pare siano comunque più che condivisibili.

4 commenti:

  1. la volgarità di questo tizio è enorme, quasi pari a quelli che dicono in tv che la mafia è connessa alla politica!
    la corte si pronunciò già nel 2004 e a quel tempo era tutto legittimo. ora non lo è più e questo non lo trovo giusto.
    il fatto è che l'azienda italia non può essere governata se "gli operai" si mettono a giudicare il loro padrone.
    e questo è il tradimento a cui allude berlusconi.
    e su questo punto occorrerebbe proprio parlare del concetto aziendale del nostro partito (pdl).
    ma lo farò se mi sarà concesso.

    Silvio Minorini

    RispondiElimina
  2. >la volgarità di questo tizio è enorme

    Beh, non eaageriamo. Ha detto magari qualche parolaccia, è vero, ma mi pare che i concetti siano più che condivisibili.

    >quasi pari a quelli che dicono in tv che la mafia è connessa alla politica!

    Ehm, il fatto che questo signore sia attualmente in Parlamento potrebbe essere un buon indizio che forse qualcosa di vero c'è, ti pare?

    >la corte si pronunciò già nel 2004 e a quel tempo era tutto legittimo. ora non lo è più e questo non lo trovo giusto.

    E' naturale che non lo trovi giusto. Succede quando ci si informa dal tg4 o da Il Giornale. Basta invece spostare il naso un pochino più in là, magari leggendo il parere di un professore di diritto costituzionale, per capire come stanno effettivamente le cose.

    >il fatto è che l'azienda italia non può essere governata se "gli operai" si mettono a giudicare il loro padrone

    Eh, certo. Che nostalgia per quei paesi dove "gli operai" sono obbligati a stare a testa bassa, e guai se alzano la testa o si azzardano a lamentarsi.

    >e questo è il tradimento a cui allude berlusconi

    Veramente lui alludeva ad altro, ma lasciamo perdere.

    >e su questo punto occorrerebbe proprio parlare del concetto aziendale del nostro partito

    Veramente non mi sembra che sia necessario parlarne. Che il pdl sia un partito-azienda mi pare che sia sotto gli occhi di tutti.

    >ma lo farò se mi sarà concesso

    Facciamo così. Siccome l'argomento mi intriga, soprattutto a livello psicologico, tu scrivi un bell'articolo in cui spieghi su cosa si basa, dal tuo punto di vista, il "concetto aziendale" di partito, e poi me lo mandi via mail. Io lo pubblico qui sul blog e vediamo che succede. Chissà, potrebbe nascere un interessante dibattito.

    Che ne dici?

    RispondiElimina
  3. va bene. dammi qualche giorno però che domani non ci sono

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Vangelis (un ricordo)

Leggere della dipartita di Vangelis mi è dispiaciuto. Stimavo il grande compositore greco non solo e non tanto per la quantità di colonne s...