lunedì 11 gennaio 2010

10.000 euro al minuto

Sgarbi diffida YouTube. Non è il primo, intendiamoci, e non sarà certo l'ultimo.

ROMA (9 gennaio) - Diecimila euro al minuto: tanto valgono le immagini di Vittorio Sgarbi ospite di tramissioni tv della Rai, ritrasmesse «in violazione del diritto di immagine» da Youtube. Lo sostengono i legali del critico d'arte, che hanno diffidato il portale di video chiedendo di rimuovere immediatamente dal web «immagini fisse o in movimento di programmi video della Rai in cui compare Sgarbi»: da Anno Zero a Porta a Porta, da Confronti a Domenica in, dall'Istruttoria al Caso Englaro.

Se i portali diffidati dai legali di Sgarbi non interverranno, dice ancora l'avvocato Giampaolo Cicconi, faremo ricorso al Tribunale di Camerino (competente perché Sgarbi risiede a San Severino Marche) per «violazione dei diritti di utilizzazione e sfruttamento economico dell'immagine» del critico, con la richiesta di una somma «non inferiore a 10 mila euro» per ogni minuto o frazione di minuto di diffusione diretta o indiretta.

Ora, non ho intenzione di approfondire la cosa perché sinceramente non me ne frega niente. Così, a naso, potrei dire che non so quanto possa essere fondata questa richiesta, visto che si tratta di spezzoni di trasmissioni televisive e quindi i diritti dovrebbero essere delle varie Rai, Mediaset e simili. Comunque sia, facciamoci un favore, un'opera comune, uno sforzo collettivo: Google cancelli tutti i video di Sgarbi e gli utenti smettano di caricarli.

A volte basta poco per farsi del bene.

2 commenti:

  1. ahah, l'avevo letto anche io!! speriamo che Google non li cancelli subito, che alcuni mi li devo ancora vedere :D

    RispondiElimina
  2. Ecco, bravo, prima che li tolgano comincia da questi. Gli incontri tra lui e Ricca sono da cineteca. :-)

    RispondiElimina

Il crollo dei miti

Non credo di aver mai letto niente di Alice Munro. La conosco di fama (è impossibile non conoscere una scrittrice che ha vinto anche il Nobe...