domenica 17 gennaio 2010

Such a Shame

Chissà cosa avrebbe detto Mark David Hollis del fatto che a me, all'epoca (siamo a metà degli anni '80), in certe sue espressioni ricordava Alvaro Vitali quando interpretava i vari "Pierini" dei film trash dell'epoca. Bah, meglio non chiederglielo. In ogni caso questo è stato a mio parere uno dei pezzi più belli dei Talk Talk.

Buona domenica.

7 commenti:

  1. Buona domenica!
    Concordo, anche non comprendendo il testo, sul fatto che, negli anni ottanta, ci furono alcune belle canzoni, e che questa ne è un esempio.
    Ciao_
    Roby

    RispondiElimina
  2. Beh, una traduzione la trovi qui. Sinceramente ci ho capito poco anch'io, ma sai, all'epoca si guardava più all'orecchiabilità della musica. :-)

    RispondiElimina
  3. Ti segnalo una cover fantastica.
    Morphology:
    ECCO QUI

    RispondiElimina
  4. Musica di altri tempi.... quella con la M maiuscola!!!
    Cordialità Maurizio

    RispondiElimina
  5. Anche se a mio avviso, il più bel brano dei Talk Talk è:
    Life's What You Make It
    .
    http://www.youtube.com/watch?v=mXsmyLtpxlA
    .
    Saluti

    RispondiElimina
  6. Vero, ma allora si potrebbe continuare con un altro capolavoro. Eh sì, di belle ne hanno fatte parecchie. ;)

    RispondiElimina

Let it be

Ieri, mentre strimpellavo al pianoforte Let it be, mi chiedevo se la mother Mary citata nella canzone indicasse la vergine Maria, come l'...