venerdì 24 settembre 2021

Interpretazioni

Stavo suonando al pianoforte Foreign Affair, di Mike Oldfield. Poi, mentre la suonavo, mi è venuta in mente Who wants to live forever, dei Queen. Ho quindi unito i due pezzi in uno solo che spero non risulti musicalmente blasfemo. Quando suono mi succede spesso: parto con un pezzo e poi, per motivi misteriosi, arrivo a tutt'altro, in una sorta di illusoria serendipità musicale :-)

12 commenti:

  1. Conosco bene solo il primo brano ma i due pezzi paiono sposare bene. Solo paragonando l'inizio del brano iniziale con quello finale si potrebbe fare un'obiezione. Comunque, trascinati dalla musica, l'ascolto è piacevole.
    A me capita, quel che fai con la musica suonata, cantando. Che bello essere trascinati dalla musica.
    (Un uomo con la fede al dito... se non è fedeltà è almeno impegno. Scusa il divagare ma ormai quasi nessuno la indossa)
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il secondo brano, quello dei Queen, è piuttosto difficile da suonare, infatti l'ho un po' rimaneggiato semplificandolo molto. La melodia, comunque, credo sia riconoscibile.
      Comunque sì, è bello essere trascinati dalla musica, sia cantando che suonando. Con la musica succede un po' come coi libri: non siamo noi a scegliere lei, è lei che sceglie noi.
      Ciao Sari :-)

      Elimina
  2. Io invece conoscevo quello dei Queen ma non l'altro, belli entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, non conoscevi uno dei pezzi più belli del grande compositore britannico? È gravissimo :-)

      Elimina
  3. Fore afer cimiciaci in bie a niu tel a stori on a tropical bicc en ai lain tu icc …la conosco!
    Te l’ho canticchiata mentre la suonavi.
    Son legatissimo a quella canzone.
    Ho Crises sia in vinile ( originale del 1982 o 84 non ricordo) che in CD.
    Meno riconoscibile quella dei Queen.
    Comunque veramente tanti complimenti.
    La prossima un video dove canti oltre a suonare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crises è Tubular bells sono due dischi imprescindibili.
      Notevole la pronuncia della canzone di Olfield.
      Se vuoi rischiare, mie performance canore le trovi sul mio canale YouTube. A tuo rischio e pericolo :-)

      Elimina
  4. Mi fai pensare a mio zio. Trombettista. Poco prima che morisse cominciò a registrare tutta una serie di pezzi. Andavo a casa sua e lo aiutavo con le registrazioni casalinghe. Poi andò in uno studio a Lecco per masterizzare e sistemare il tutto. Vi invidio molto voi che sapete suonare uno strumento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suonare è anche un ottimo modo per sfogare i sentimenti: gioie, incazzature, tristezze; è una sorta di sublimazione.

      Elimina
  5. Considerando che Oldfield è un --Highlander, la commistione ci può stare dai.. ;)

    RispondiElimina
  6. Nobile arte il suonare il pianoforte.
    Bravo!

    RispondiElimina

La casa senza ricordi

Di Donato Carrisi avevo letto, tempo fa, Il suggeritore e l'avevo trovato molto avvincente. Questo, invece, il suo ultimo romanzo, abba...