giovedì 2 settembre 2021

Dieci piccoli no Green pass

Le cronache locali raccontano che ieri, qua alla stazione di Rimini, i partecipanti alla manifestazione contro il Green pass fossero in tutto otto o nove persone. Altre testate si sono spinte fino a dieci, come i piccoli indiani di Agatha Christie, così, forse solo per fare cifra tonda. Mi immagino di vederli, questi dieci, nel caos estivo della stazione di Rimini, con le loro bandiere e i loro slogan presi pari pari da uno dei tanti siti no vax che traboccano di bufale e stupidaggini, mentre cercano di boicottare le partenze dei treni pieni di vacanzieri e pendolari con trolley e valigie al seguito. Perché, come è noto, lo spirito della protesta stava nel boicottaggio delle partenze. In sostanza questi dicevano: se non possiamo prendere un treno noi che non abbiamo il Green pass, allora non lo deve prendere nessuno. 

Che poi, alla fine, dieci partecipanti possono anche aver rappresentato un successo, rispetto a quanto accaduto altrove. Pare ad esempio che alla stazione di Napoli i contestatori del Green pass fossero solo due, i quali, una volta arrivati in loco, si sarebbero guardati l'un l'altro chiedendosi se non avessero sbagliato giorno. In fondo, a ben pensarci, fanno quasi tenerezza, nella loro beata ingenuità.

10 commenti:

  1. Ieri, non cercato, mi è arrivato un pensiero politicamente scorretto.
    Ho sentito un altoparlante che diceva: "Il prossimo raduno dei no-qualcosa è fissato per domani pomeriggio presso il cortile interno della clinica psichiatrica dell'ospedale della vostra città".
    Forse è la stanchezza dovuta al lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, potrebbe essere. Comunque mi hai fatto ridere parecchio.

      Elimina
  2. Ha ragione Giorgio. Rido anch'io.

    RispondiElimina
  3. Aggiungo la mia risata. Sarà quella che seppellirà i no-tutto.

    RispondiElimina
  4. Ma dai? A Bugliano erano una folla infinita!
    (Bugliano???)
    (Ma sì, dai, il famoso comune immaginario di Bugliano!)
    (Ah, ho capito...)

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Ma se li sono cucinati tutti alla griglia, i loro no-vax?

      Elimina
  6. Quando ci hanno imposto il coprifuoco tutti zitti a subire però eh? Soltanto io me ne sono andato in depressione.
    Grazie popolo, grazie Italia, la ruota gira...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi come si sarebbe dovuto agire, secondo te, quando a partire da marzo di un anno e mezzo fa avevamo una media di 600 morti al giorno e gli ospedali di mezza Italia al collasso?

      Elimina
    2. Non contesto il lockdown ma il coprifuoco delle 22: in quei mesi avevo a disposizione soltanto la sera per vedere qualcuno fuori casa, e mi è stato negato, come un untore che uscisse per contagiare la gente.
      I virus non hanno orologi.

      Elimina

Shine on you crazy diamond (estratto)

  Buona domenica.