sabato 25 settembre 2021

Cosa ci posso fare?

Uscita dal lavoro, mia moglie si è fermata in un bar per comprare qualche pasta da portare via. Indossava regolarmente la mascherina. Dentro il bar c'erano tre uomini, tutti senza mascherina, i quali, vedendo che all'entrata si igienizzava le mani con l'apposito dispenser, hanno cominciato a sghignazzare tra loro. Mia moglie ha quindi chiesto loro cosa ci fosse da ridere e perché nessuno di loro indossasse la mascherina, dal momento che la legge ne prescrive l'obbligo nei locali pubblici. Loro hanno continuato bellamente a chiacchierare tra loro, facendo finta di niente. Si è quindi rivolta alla barista chiedendole perché non obbligasse i clienti a indossarla. La barista ha allargato le braccia, sconsolata, come a dire: "Cosa ci posso fare?"

Eh già, cosa ci può fare?

22 commenti:

  1. Io certe volte divento cattiva, in questo caso ad esempio mi verrebbe voglia di augurare ai tre gentiluomini di ammalarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un pensiero che mi attraversa la mente ogni volta che discuto con un novax.

      Elimina
  2. Purtroppo l’ignoranza e il menefreghismo è dilagante.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso credo più il secondo, che è ancora peggiore. L'ignoranza la si può in qualche modo scusate, il menefreghismo no. I tre sapevano benissimo che all'interno del locale la mascherina è obbligatoria.

      Elimina
  3. Io avrei informato la barista che oltre ad una multa salatissima, rischia la sospensione dell'attività causa contagio.
    Vediamo se le veniva in mente cosa fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io immagino lo sapesse. Il problema è che si tratta purtroppo di un atteggiamento diffuso. Io faccio colazione ogni giorno nei bar e ho sempre visto gente senza mascherina e controlli dei Green pass inesistenti. Per qualche motivo che non so spiegare, è come se i bar fossero una specie di zona franca.

      Elimina
  4. Spiacevole. Ignoranza, maleducazione, forza bruta. Pessimi soggetti.

    Vedo, però, che stai leggendo Philip Dick. Questo romanzo - che, come naturalmente saprai, ispirò Blade Runner - fu pubblicato in Italia inizialmente con un altro titolo: “Il cacciatore di androidi ”.
    ” Ma gli androidi sognano pecore elettriche? ” è la traduzione più fedele. Ti faccio i complimenti per le tue letture variegate e ti confesso il mio debole per questo scrittore, a partire dalla lettura di quello che tuttora considero il suo romanzo migliore: “Ubik”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come naturalmente saprai, ispirò Blade Runner

      No, non lo sapevo, come ho scritto un paio di post fa. Mi è capitato per caso in mano questo libro e solo leggendo le note sul retro della copertina ho scoperto che è quello che ha ispirato il film di Ridley Scott, e, fino ad oggi, mi era totalmente sconosciuto pure l'autore. Ora il libro l'ho iniziato e, dopo le prime 50 pagine, mi ha già preso.
      Ciao, Ettore.

      Elimina
  5. Lo Stato non può delegare alla barista di far rispettare le leggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In particolari casi sì, anche se la legge è abbastanza contraddittoria (qui c'è una spiegazione dettagliata). Se comunque provi a googlare cercando "clienti senza mascherina gestore multato" ti si apre un fiume di link a notizie che raccontano di gestori di bar multati per questo motivo.

      A me, ad esempio, è capitato spesso di entrare in esercizi commerciali con la mascherina abbassata e di essere ripreso dal titolare o da un commesso.

      Ma a parte questo aspetto, che effettivamente non è del tutto chiaro, il punto è che se entri in un bar dove su ogni parete ci sono avvisi in cui si dice che l'uso della mascherina è obbligatorio, tu la mascherina la metti, e soprattutto non sfotti chi rispetta la legge indossandola.

      Elimina
    2. Se in giro ci fosse solo gente normale, ma come la mettiamo con i delinquenti , i balordi , i violenti che girano?

      Elimina
    3. Non lo so, ma i tre che erano nel bar non li associo a nessuna di queste categorie. Penso fossero semplicemente persone maleducate e menefreghiste. Io, se fossi stato il titolare del bar, le avrei invitate senza tanti complimenti a mettersi le mascherine oppure ad accomodarsi fuori.

      Elimina
  6. Purtroppo i cafoni sono ovunque e a pagarne le conseguenze sono solo tutti quelli che hanno seguito le regole fino ad oggi.
    Brava tua moglie che non è stata zitta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi associo complimentandomi con tua moglie.

      Elimina
    2. Mia moglie, come carattere, non è una che le manda a dire o che si fa intimidire. Tutt'altro.

      Elimina
  7. Intanto si smette di frequentare quei bar, avvisando il gestore che si spargerà la voce in giro, e che sarà più veloce del virus a diffondersi..

    RispondiElimina
  8. In effetti bisognerebbe fare così. Il problema è che si tratta di un atteggiamento generalizzato di tutti i bar, e da qualche parte si dovrà fare colazione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colazione a casa: più sana, più economica, risparmi tempo.
      Una delle buone pratiche di ecologia personale e domestica.

      Elimina
  9. La barista è tenuta a far rispettare determinate regole, dire che non può farci niente significa avallare un comportamento scorretto.
    Complimenti a tua moglie.
    Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso anch'io così. Buona domenica a te, Joanna.

      Elimina
  10. Igienizzare le mani in realtà significa cospargerle di veleno che uccide la flora batterica e distrugge il bioma protettivo, aumentando la vulnerabilità rispetto a batteri e virus.
    Una delle usanze superstiziose, folkloristiche e controproducenti che caratterizzano l'agire umano in questa pandemia.
    Fatto solo una volta in questi 17 mesi, mai più!

    RispondiElimina
  11. Vedo dei dementi da soli in auto, colla mascherina, all'aperto, da soli, colla mascherina, etc. .
    I tre pitocchi hanno avuto il pregio di dissacrare un feticcio.

    RispondiElimina

A proposito di Guccini

Francesco Guccini non ha mai dato il permesso di utilizzare per qualsiasi motivo i versi delle sue canzoni. Ha fatto una bella eccezione qua...