martedì 25 maggio 2010

Sacrifici molto duri

Quella che all'inizio doveva essere una sorta di passeggiata che non doveva "mettere le mani nelle tasche degli italiani", un'altra delle barzellette che il cavaliere e i suoi trombettieri vanno ripetendo da una quindicina d'anni, si sta in realtà rivelando per quello che è. Niente di ufficiale, almeno per ora, ma sentire Bonaiuti che dice: "È arrivato il momento dei sacrifici", e Letta che aggiunge: "Sacrifici molto pesanti, molto duri. Speriamo provvisori" (sì, mia nonna...), la dice lunga sul modo in cui allungheranno le mani per reperire questi famosi 24 miliardi di euro (qualcuno dice 25, altri 27, ma teniamo buoni per adesso i 24).

La manovra che dovrà farci sputare lacrime e sangue (come se finora fossimo andati a passeggio), prevede - ancora siamo sul generico - "Tracciabilità dei pagamenti, stop agli stipendi degli statali. Mini taglio agli stipendi dei parlamentari. E, dopo gli scandali dei lavori del G8, una brusca ridimensionata all'autonomia della Protezione civile. Ma soprattutto, nonostante le smentite, la presenza, nella bozza, del condono edilizio (o meglio di una 'razionalizzazione catastale')".

Pare sia stata eliminata la possibilità, ventilata all'inizio, dell'introduzione ad esempio di nuovi ticket sanitari. Mossa abbastanza comprensibile, anche se non sembra ancora del tutto scongiurata l'ipotesi di un aggravio di 7,5 euro per le visite specialistiche; d'altra parte è stato lo stesso Berlusconi a raccomandare ai suoi di mettere in campo misure che "non facciano scendere il consenso". Voi capite che se dopo aver raccontato per l'ennesima volta la barzelletta delle tasche degli italiani aumentassero i ticket sanitari... babbei un po' va bene, ma fino a un certo punto. Insomma, qualcuno avrebbe potuto mangiare la foglia. Alla fine, almeno da quello che sembra finora, pare comunque che si tratterà di una manovra più orientata al contenimento della spesa pubblica che all'introduzione di nuove tasse. Staremo a vedere.

Quello che lascia perplessi è quella "razionalizzazione catastale" inserita nella manovra. Secondo il governo non si tratta di un condono edilizio vero e proprio, ma semmai di una sorta di regolamentazione degli immobili fantasma (perché, il condono edilizio non è una forma di regolamentazione?). In pratica, se non ho capito male, chi ha effettuato cambiamenti catastali non dichiarati, potrà mettersi in regola dichiarandoli entro il 31 dicembre di quest'anno pagando la relativa penale. Scusate, se questo non è un condono, che cos'è?

Dispiace constatare che alla fine questa manovra sembra comunque avere un comune denominatore con gli altri provvedimenti messi in campo finora, tipo ad esempio il precedente condono edilizio del 2003, oppure il recente scudo fiscale, che ha permesso a chi ha evaso il fisco e le tasse nascondendo capitali all'estero di farli rientrare, sotto anonimato e con garanzia di impunità, pagando un pizzo allo stato una tassa del 5%. Insomma, si conferma un vecchio e consolidato trend: chi si è comportato onestamente se lo prende in quel posto, chi ha fatto il furbo viene premiato. Niente di nuovo.

Nessun commento:

Priorità

Secondo l'Istat , nel 2023 4,5 milioni di persone hanno rinunciato a curarsi per mancanza di soldi. A questo si aggiunge la cronica manc...