domenica 9 maggio 2010

Eyjafjöll, eruzioni per un anno?


Da qualche settimana non se ne parlava più. La cosa sembrava chiusa lì. E invece, da ieri, la nube di cenere prodotta dal vulcano islandese dal nome impronunciabile ha rifatto capolino, creando un po' di casini.

Ho fatto un giretto sulla Wikipedia e ho scoperto che quella attuale è la quarta eruzione della sua storia geologica. La terza è iniziata nel dicembre del 1821 ed è terminata nel gennaio del 1823: un anno abbondante, insomma. Mi sa che sentiremo parlare parecchio di questo vulcano (e dei disagi che si trascina dietro).

4 commenti:

  1. Non sono d'accordo per i disagi.
    Penso che il vulcano,che nella sua natura erutta,ne abbia tutto il diritto,siamo noi che abbiamo rotto le scatole al pianeta.
    Buona domenica
    Maurizio

    RispondiElimina
  2. Anche questo è vero. Ma purtroppo, volenti o nolenti, siamo nell'era della globalizzazione e dobbiamo farci i conti.

    Quando il vulcano ha eruttato la volta precedente, nel 1821, al massimo se ne saranno accorti gli islandesi, e magari neppure tutti. Però a quell'epoca quanto tempo ci voleva per farsi il viaggio, che ne so, Rimini-Reykiavik? Diciamo un paio di mesi? Di più? Di meno? Oggi il tempo della trasvolata in aereo: qualche ora. Vabbé che magari all'epoca c'era probabilmente meno necessità di spostarsi, ma si stava meglio allora oppure oggi?

    RispondiElimina
  3. Gia,la domanda è proprio quella.

    Si stava meglio quando si stava peggio?

    Ciao
    Maurizio

    RispondiElimina
  4. tagliando la testa al toro, si stava peggio quando si stava peggio e si stava meglio quando si stava meglio

    RispondiElimina

Pandemia e veggenti

Che una nuova pandemia arriverà lo dicono da tempo gli scienziati, non serve la veggente . Anche il Sars-CoV-2 era stato annunciato. Chi nel...