giovedì 2 aprile 2009

In Francia passa la linea Sarkozy, i provider taglieranno la connessione a chi scarica

Questo articolo è stato modificato dopo la pubblicazione iniziale.

Alla fine è diventata legge. La proposta di Sarkozy che tanto ha fatto discutere fin dai suoi esordi, è stata approvata dal Senato ed è diventata legge.

Da oggi i provider francesi avranno l'obbligo, dopo aver avvisato per due volte l'utente colto in "flagrante", di staccare la connessione internet per un tempo massimo di 12 mesi, la cui durata sarà commisurata alla gravità dell'infrazione.

Non so quante saranno le probabilità che una tale legge arrivi anche da noi. Istintivamente mi viene da pensare che non siano poche, soprattutto se si considera il trend legislativo in materia di internet in cui si è incanalata l'attività di questo governo nel recente periodo (vedi i vari disegni Barbareschi, Carlucci e D'Alia).

Comunque sia, per la rete, la libertà e gli utenti, oggi non è un bel giorno.


Aggiornamento 09/04/2009.

Il disegno di legge è stato bocciato dal Parlamento francese.

3 commenti:

  1. speriamo in una seconda "revolution"!!! ovviamente con annessa ghigliottina!! :P

    RispondiElimina
  2. Probabilmente molti si spaventeranno dopo il primo avviso e desisteranno, ma la maggioranza già sa, o imparerà presto, ad aggirare i controlli.

    RispondiElimina

Obiezione di coscienza

Tra tutto ciò che ho letto e ascoltato relativamente all'obiezione di coscienza in campo medico, le parole più belle e condivisibili le ...