lunedì 13 aprile 2009

La Moratti paga la multa al mimo

Ricordate la curiosa, diciamo così, storia del mimo che a Milano è stato multato da alcuni vigili eccessivamente zelanti per il solo fatto di essersi spostato di qualche metro dal punto a lui assegnato?

Beh, dopo le giuste proteste dei passanti e dopo che la storia è diventata di dominio pubblico, Dario Fo si era offerto di pagare la multa al suo posto. Oggi apprendiamo che non ce n'è bisogno perché pare che si sia fatta avanti pure la signora Moratti, sindaco di Milano. Scrive Repubblica:

"Abbiamo verificato quello che è successo e si è trattato di un'applicazione troppo rigorosa nel rispetto del Regolamento Comunale del 2000. La violazione c'è stata - ha dichiarato in una nota il primo cittadino - tuttavia ritengo che in certe situazioni occorra una maggior sensibilità perchè oggi le priorità sono altre, legate più alla sicurezza dei cittadini e al rispetto delle regole che garantiscono una civile convivenza".


Così, istintivamente, mi viene il dubbio - sapete com'è, io sono sempre un po' malizioso - che tanta solerzia sia dovuta al fatto che la storia è finita sui giornali, magari se fosse passata inosservata il povero romeno avrebbe dovuto pagarsi la multa e zitti, però oggi è pasquetta e quindi lasciamo da parte i cattivi pensieri.

Un plauso alla Moratti, quindi, soprattutto per aver capito che sono ben altre le priorità che esigono una maggiore severità.

2 commenti:

  1. oltre al plauso per la Moratti, avrei proprio voglia di sapere chi ha messo 18 agenti a controllare i mimi, visto che (almeno a quanto diceva il sindacalista dell'articolo) per altri controlli più "seri" ci sono meno agenti :-)

    RispondiElimina
  2. >avrei proprio voglia di sapere chi ha messo 18 agenti a controllare i mimi

    Ecco, lo sapevo, il solito curiosone... :-)

    RispondiElimina

Obiezione di coscienza

Tra tutto ciò che ho letto e ascoltato relativamente all'obiezione di coscienza in campo medico, le parole più belle e condivisibili le ...