sabato 6 novembre 2021

Si comprava i libri da solo?

Stamattina, su La Stampa, leggevo un articolo sulla vicenda giudiziaria (dettagli qui) che riguarda Renzi e la fondazione Open che fa capo a lui, e ho letto una cosa che mi ha incuriosito. Questa:


Cioè, se ho capito bene, nel lungo elenco di spese fatte dalla fondazione di Renzi, ci sono due fatture dell'importo di oltre 4000 euro per l'acquisto di libri scritti dallo stesso Renzi. In pratica si comprava i libri da solo. Non so se quei libri siano mai entrati in classifica, ma, in caso, questo potrebbe spiegare perché :-)

9 commenti:

  1. Risposte
    1. Beh, conoscendo la sua leggendaria ipertrofia dell'io, la cosa in fondo non stupisce :-)

      Elimina
  2. Scommetto che sarebbe capace di uscirsene dicendo che purtroppo è stato costretto a farlo perché Rizzoli è un editore EAP...

    RispondiElimina
  3. La contemporaneità liquida si basa sulla fascinazione dei numeri delle classifiche: è merda ma numero 1 in classifica tutti ad acquistare.
    Questa spiegherebbe l'autopromozione.
    Ma...

    Dagli importi direi un centinaio di copie (che non incidono su classifiche dove gli ordini di grandezza sono due o tre volte superiori), forse da distribuire ad eventi, conferenze etc. . ?

    RispondiElimina
  4. Che dire... un genio! 😅

    RispondiElimina

Obiezione di coscienza

Tra tutto ciò che ho letto e ascoltato relativamente all'obiezione di coscienza in campo medico, le parole più belle e condivisibili le ...