lunedì 1 novembre 2021

L'arminuta


Mi capitano ogni tanto, tra le mani, libri che leggo tutto in un fiato. Come questo, iniziato nel primo pomeriggio e finito adesso semplicemente perché non sono riuscito in alcun modo a staccarmi. Leggo che da questo romanzo è stato tratto un film. Non so se lo guarderò, in genere i film tratti dai romanzi sono quasi sempre delle delusioni e questo potrebbe non fare eccezione. Noi mi dilungo oltre, ne ha parlato Gwendalyne sul suo blog e chi è interessato a saperne di più può leggere il suo post al riguardo. 

E niente, un libro bellissimo.

17 commenti:

  1. Ho appena messo un post sul film. Bellissimo, da vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho letto adesso. Dopo il tuo post credo proprio che lo guarderò.

      Elimina
  2. anche a me il libro è piaciuto molto, una vicenda drammatica raccontata con una scrittura impeccabile che ti trascina dentro i fatti.
    ml

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Mi ha colpito la storia di questa ragazzina, piena di angoscia perché le mancano i punti di riferimento principali. E, come dici tu, la prosa impeccabile e coinvolgente della scrittrice.

      Elimina
  3. Condivido, anche a me è piaciuto molto; sono curiosa di vedere il film!

    RispondiElimina
  4. il film è bellissimo... proprio come il libro.
    questa volta non sono rimasta delusa.
    buona settimana, Andrea

    RispondiElimina
  5. Ho visto il film e, solo dopo, letto il libro: nessuna delusione. Il film sottolinea e rende manifesti alcuni aspetti del libro, il libro offre un punto di vista che il film trascura. Si integrano, in un certo senso. Guarda il film, non ti deluderà.

    RispondiElimina
  6. Invece io credo chee farò il contrario, guarderò prima il film.
    Non so dirti perchè ma a pelle ho questa sensazione

    RispondiElimina
  7. Che dire, mi fa veramente piacere che tu l'abbia apprezzato così tanto! :-)
    Il film l'ho visto domenica, ed è all'altezza del libro, anche se non si tratta di una trasposizione fedele. Mi è dispiaciuto soltanto che, pur essendo la storia ambientata in Abruzzo, sia stato girato interamente altrove perché l'Abruzzo, a differenza del Lazio, non ha una Film Commission per farsi valere. Peccato davvero, perché mentre leggevo il libro mi immaginavo già le location montane e marittime ideali nella mia regione d'origine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo questa cosa. In effetti avrebbe avuto un senso girare le scene in Abruzzo, dal momento che la vicenda è ambientata lì.
      Peccato.

      Elimina
    2. Già... Per fortuna almeno le sigle automobilistiche dei veicoli e soprattutto il dialetto erano quelli giusti! :-)

      Elimina
  8. Andrea, hai poi visto il film?

    RispondiElimina
  9. Ancora no, ma ce l'ho in lista, non mi scappa. Devo solo trovare il tempo :-)

    RispondiElimina

Buchi di memoria

Non credo capiti solo a me di svegliarmi al mattino con in testa una canzone. Stamattina, in macchina, canticchiavo una vecchia canzone di B...