lunedì 22 novembre 2021

Fino a mille euro

Non so per quante persone rappresenterà un problema il limite di mille euro per l'uso dei contanti a partire dal prossimo primo gennaio. Personalmente uso ormai il bancomat per quasi tutto, dalla spesa alla visita oculistica passando per il pieno di GPL alla macchina e il tagliando annuale alla concessionaria. Le monete le uso ormai solo per cappuccino e brioches al bar. Trovo che pagare con questo sistema sia di una comodità unica. 

Un paio d'anni fa, appena prima che scoppiasse la pandemia, sono stato qualche giorno a Graz, in Austria, a trovare mia figlia maggiore che soggiornava là col programma universitario Erasmus, e ho notato che là carte di credito e bancomat sono la regola in ogni dove, compreso il pagamento di un semplice caffè al bar. Anzi, da quelle parti i baristi ti guardano pure storto se apri il portafogli per pagare con banconote o monete.

Quello di cui dubito è che questo obbligo, introdotto dal governo per aumentare la tracciabilità dei pagamenti e tentare di contrastare l'evasione, abbia una qualche utilità, dal momento che i modi per aggirarlo non sono difficili da immaginare. Magari, però, è un passo avanti.

24 commenti:

  1. Salvo restando che da Roma in giù col contante poco ci manca che comprino anche le case.. mille euro mi sembra davvero un limite anche blando.. da limare ulteriormente.. anche se sei vecchietto e non vuoi il bancomat.. che dovrai mai compra' con mille euro cash? Siamo seri..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, fosse per me toglierei ogni limite e obbligherei a pagare solo tramite carta. E comunque tieni conto che si tratta già di una limatura, il tetto precedente era 2000 euro.

      Elimina
  2. Speriamo che il prossimo passo sia 500 euro e poi ancora a scendere. Io pago come te, contanti solo caffè e pane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che non uso contanti neppure quando do soldi alle mie figlie (o loro a me): un bonifico e via.

      Elimina
  3. Premesso che anch'io di contanti ormai ne maneggio davvero pochi (edicola e mercatini, anche perchè ai mercatini non tutti hanno il POS), dubito molto che questo provvedimento serva. Magari sarà un deterrente per i disonesti di mezza tacca come saremmo noi, ma chi è fraudolento di mestiere - per così dire - ha di certo i suoi modi per continuare a evadere il fisco come gli pare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, bancarelle di libri usati provviste di Pos se ne vedono pochine :-)

      Per il resto, se si volesse davvero fare lotta all'evasione i modi ci sarebbero. Eccome se ci sarebbero...

      Elimina
    2. Discorso infatti trito e ritrito. NON si vogliono scoprire gli evasori. :(

      Elimina
  4. Per uno che come me non ha mai trovato simpatiche le banconote in euri e fatica ancora a distinguere le monete in centesimi nel borsellino, fa piacere.
    Aggiungici che un terzo delle volte che vado al Postamat a prelevare il dispositivo è fuori servizio o attivo solo per consultare il conto (cosa che faccio comodamente da casa).
    Non ho capito però se 1.000€ per un pagamento singolo o come somma prelevabile per tutte le spese mensili?
    E' inoltre un modo per prevenire/arginare pagamenti in nero... Ma come sempre mi chiedo: chi controlla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pagamenti possono anche essere "divisi". Se io, ad esempio, devo dare 1800 al mio avvocato posso anche dividere il totale: 800 con bonifico e 1000 in contanti. L'importante che la quota in contanti sia sempre inferiore ai 1000 euro. È spiegato bene qui.

      Elimina
    2. Grazie del link, molto chiarificatore. 👍

      Elimina
  5. Se usi la carta per pagare un caffè al bar si incazzano e non poco. Io come dici tu, sono rimasta di sasso quando sono stata a Miami. Pagare con la carta un caffè al bar è la norma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, incazzarsi forse è un po' esagerato. Diciamo che ti guardano storto, quello sì :-)

      Elimina
  6. Quando toglieranno le commissioni bancarie sull'uso dei pos, allora ben venga il divieto di uso del contante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la comodità in qualche modo si paga. Anche se in effetti in alcuni casi sono alte.

      Elimina
  7. Sono d'accordo con Flo.
    Io uso il bancomat solo per pagamenti di almeno dieci euro.
    Le commissioni sono così alte che il barista farebbe prima a regalarmi il caffè, se dovessi pagarlo con la carta.
    Ho diverse attività commerciali in famiglia, che hanno conti in banche differenti, ma in ogni caso le commissioni per l'utilizzo del POS sono troppo alte. 😔

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero non ricordo a quanto ammontino le commissioni per l'uso del bancomat, dovrei andare a rileggere il contratto con la banca dove ho il c/c. Mi sembra di ricordare di avere una quota fissa annuale e nessun costo per ogni singola operazione. Ma vado a memoria, dovrei andare a controllare.

      Elimina
    2. Gli utilizzatori privati non pagano commissioni. Io mi riferivo agli esercenti che abilitano il servizio POS presso la loro attività commerciale o lo studio di liberi professionisti.

      Elimina
  8. Non so, io uso il bancomat ma anche per qualche cifra alta uso ancora il contante. Sia in Svizzera che in Italia. Sono un lavoratore dipendente e non ho proprietà e lavori in nero e mi piacciono molto le banconote. Forse perché ne ho sempre avute poche. E quelle svizzere esteticamente sono bellissime e mi piace il contatto con l'oggetto moneta. Roba mia. il gigante 5 franchi svizzero in moneta mi incanta sempre. Come il dollaro, che è veramente bello e ogni tanto con le mance mie e della mia compagna ricevo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piacciono molto le banconote. Forse perché ne ho sempre avute poche

      Mi hai fatto sorridere. Anche io sono un lavoratore dipendente e ho sempre vissuto, più o meno, all'insegna del "tanti presi, tanti spesi". Ma va bene così.

      Elimina
  9. Se volessero veramente combattere l'evasione fiscale, lo potrebbero fare anche senza queste misure.
    Un giorno mi si è smagnetizzato il bancomat e allo sportello, con il personale mi hanno lasciata come una scema e senza soldi!
    Io sono stufa che per fare pagare le tasse a chi non le paga, mettano impicci a chi le paga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è la volontà di combatterla, l'evasione, c'è poco da fare. E c'entra anche la politica. Qualche anno fa Padoa-Schioppa disse che l'evasione fiscale, in Italia, non la combatterà mai nessuno perché vale dieci milioni di voti. Discorso chiuso, purtroppo.

      Elimina
  10. Comodo è comodo e una volta che ti abitui fai volentieri a meno del contante. Però non mi piace questa cosa che debbano mettere il becco anche nel modo in cui spendo, stiamo cedendo poco per volta libertà in cambio di comodità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I pagamenti tracciabili non servono a vedere il modo in cui spendi i soldi. Allo Stato non frega nulla se usi il bancomat al ristorante o dal salumiere o in ferramenta. I pagamenti elettronici, a differenza di quelli cartacei, sono tracciabili esclusivamente a fini fiscali (o almeno l'intento è questo).

      Elimina

Menti teleologiche

Ho parlato già, in passato, di questo argomento, che per me è affascinantissimo, ma ogni tanto mi imbatto in qualche nuovo contributo che ag...