domenica 7 novembre 2021

Måneskin

I Måneskin, che a me piacciono dai tempi di Marlene che torna a casa (ma ci è tornata, poi?), hanno aperto il concerto dei Rolling Stones di ieri a Las Vegas, e dopo la loro esibizione si sono beccati pure i complimenti di Mick Jagger. Sì, lo so, ci sono gli schizzinosi e i puristi un po' snob che i Led Zeppelin, i Deep Purple, i Pink Floyd, i Genesis, i Queen, i Nirvana, i Police e quella era musica e blablabla. Lo so, lo so bene, ho cinquant'anni e sono anch'io di quella generazione lì, ma proprio perché ho questa età, ormai so bene che quella musica lì non torna più, è inutile stare a raccontarsela. Non torna più allo stesso modo in cui oggi non nascerà più nessuno che si chiama Beethoven o Mozart o Kant o Leonardo da Vinci. No, dico, ma avete un'idea di come sia la musica che gira oggi (e non mi riferisco solo a Sfera Ebbasta e quella roba lì)? 

Allora succede che ci sono quattro ragazzi che suonano strumenti veri: una chitarra, un basso e una batteria, che hanno un cantante che è bravo, che vanno in sala d'incisione e arrangiano i pezzi che scrivono, non li fanno "comporre" a un apposito programma di un computer e li arrangiano con i campionatori per poi caricarlo su YouTube, ma ci lavorano sopra. Allora basta fare gli schizzinosi, su. E comunque io sono perfettamente d'accordo con "Dado".

14 commenti:

  1. Ahah.. pensavo Dado il comico.. ;)
    Comunque senza fare il purista, mi tengo - oltre tutta la "roba vecchia" che citi, anche quella nuova, PFM tanto per parlare italiano, o Coldplay per parlare altre lingue. Saranno pure bravi questi Maneskin ma il gusto resta insindacabilmente padrone. E ci mancherebbe. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, certo, anche io mi tengo tutta la roba vecchia, ci mancherebbe, ma, come dice Bertoli, "un piede nel passato e lo sguardo dritto e aperto nel futuro" ;-)

      Elimina
  2. A me non dispiacciono, quello che mi lascia perplessa di queste odierne star della musica è che protestano nei testi, ma poi sono tutti ben infeudati del mainstream, non sono figure di rottura generazionale, di autentica protesta sociale, come io credo debbano essere i musicisti rock.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una vecchia canzone di Masini, di cui non ricordo più il titolo, diceva: "non si può cantare la rabbia coi miliardi".

      Elimina
  3. Bravissimo Andrea, concordo pienamente con te. Poi i Maneskin pur essendo molto giovani hanno una grandissima cultura musicale, sempre rapportata alla loro età ovvio. E assorbono tutto, imparano molto velocemente.
    Esattamente come hanno fatto i loro predecessori.
    Per cui come te apprezzo enormemente il "vecchio" ma non disprezzo il nuovo, anzi lo seguo con grande interesse.
    Grazie, mi fa piacere leggere queste tue parole. Ciao.

    RispondiElimina
  4. Ma non è come se a qualcuno oggi venisse in mente di scrivere musica barocca? Come, che so... i Rondò Veneziano, ecco
    (Così, giusto per tenere viva la conversazione... che gusto c'è se tutti ti danno ragione?)

    RispondiElimina
  5. che gusto c'è se tutti ti danno ragione?

    C'è, c'è, fìdati! :P

    RispondiElimina
  6. Premesso che sono per il power metal ho iniziato a seguire per caso i Maneskin e devo dire che mi piacciono.
    Speriamo che questo successo improvviso non li faccia cambiare troppo: già su "mamma mia" ho dei dubbi. Vedremo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedremo (anzi, sentiremo) quello che faranno. Io li ascolto spesso, durante le mie passeggiate, e da amante del rock devo dire che mi piacciono. Più che altro mi piace sentire, nell'era dell'elettropop, gente che suona con batteria, basso e dei bei riff di chitarra. Acqua fresca, oggi.

      Elimina
  7. Sì, può darsi. Ma in fondo serve anche questo. Anche i Rolling Stones, quando iniziarono, ebbero parecchia faccia tosta :)

    RispondiElimina
  8. tu penserai che io sono vecchia, che potrei criticare il loro abbigliamento, e invece no a me piacciono, dalla prima volta che mia figlia me li ha fatti sentire.... e poi noi che abbiamo una batteria in casa, un piano, una fisarmonica ti esco io a 50 anni ad avere il forte desiderio di prendere lezioni per suonare la chitarra elettrica. Non importa l'estetica di questi ragazzi ma i loro testi, come suonano quegli strumenti e il fatto che siano giovani è un loro vantaggio....perchè hanno il tempo davanti...e se piacciano hai ragazzini, piacciono anche ai cinquantenni. Bravo qui viaggiamo sulla stessa linea d'onda

    RispondiElimina
  9. A dire il vero io non penso che tu sia vecchia, dal momento che la vecchiaia è un concetto relativo e, se guardiamo l'anagrafe, io sono più vecchio di te. I Måneskin a mio avviso fanno del buon rock, quindi perché no? :-)

    RispondiElimina

Menti teleologiche

Ho parlato già, in passato, di questo argomento, che per me è affascinantissimo, ma ogni tanto mi imbatto in qualche nuovo contributo che ag...