giovedì 14 ottobre 2021

Tirare i remi in barca

Da qualche tempo ho cominciato a tirare i remi in barca. Intendo sul lavoro. Una volta ero più tollerante, più disponibile, se c'era da fare qualche ora di straordinario la cosa non mi creava nessun problema. E di straordinari ne ho fatti, specialmente all'inizio, oltre trent'anni fa, quando cominciai a lavorare nell'azienda in cui sono tutt'ora. 

Poi, col tempo, le cose sono cambiate; l'azienda si è progressivamente ingrandita, ha fatto delle acquisizioni, quell'aura di familiarità che si respirava quando era ancora piccola, intraprendente, quasi pionieristica, è andata persa (ne avevo già scritto qui). Oggi è tutto più asettico, più meccanico, più rigidamente strutturato. È andato perso anche quel senso di solidarietà, di mutua assistenza che legava noi dipendenti. Siamo più "distanti", più parcellizzati, più individualisti. 

Quindi faccio le mie otto ore e poi me ne vado, anche se a volte ci sarebbe bisogno di restare di più, specie nel turno pomeriggio-notte; ma dico di no, non ho più voglia, non mi sento più incentivato. Ho tirato i remi in barca.

10 commenti:

sinforosa c ha detto...

Purtroppo è diventato tutto meno spontaneo, meno semplice, in una parola meno umano.
Ci credo che la voglia passi. Buona serata Andrea.
sinforosa

Andrea Sacchini ha detto...

Sì, purtroppo è così.
Buona serata, sinforosa.

Daidum ha detto...

Lo vedo su tutti i posti di lavoro. Ormai è diventata una questione di mera sopravvivenza: si va a lavorare perché bisogna portare a casa la pagnotta, non perché si trovi interesse nel lavoro. E quella pagnotta è sempre più esigua: l'Italia è l'unico paese europeo dove gli stipendi vanno alla rovescia, calando anziché aumentare. Incentivi a lavorare? Inesistenti.

Franco Battaglia ha detto...

Dopo i trenta/quaranta anni di lavoro la stanchezza è fisiologica, le innovazioni strutturali e manageriali sono viste sempre con sospetto, e inizia a scarseggiare l'entusiasmo; le aziende stesse tendono a "scivolarti" la quiescenza perché, a dispetto dell'esperienza e della qualità, gli costi come due giovani virgulti spiritati ed entusiasti. Appena puoi, o te lo offrono, tela.

Sari ha detto...

Impersonalizzazione è il nome del virus che ha picchiato duro in ogni settore della società e il mondo del lavoro non è quello maggiormente colpito. Che tristezza...
Otto ore di lavoro credo siano sufficienti... il resto è per affetti, progetti e interessi di cui sei ricchissimo.
Ciao Andrea.

Gas75 ha detto...

Hai fatto bene. Quando ci si sente più un numero che una risorsa, quel dare di più perde entusiasmo, passione... Te ne accorgi dopo la prima volta che sei rimasto, e allora preferisci goderti qualche ora in più la famiglia, cui forse ti accorgi di aver sacrificato fin troppo tempo a favore di chi non ti ha gratificato professionalmente come speravi giusto.
Considerazioni promiscue tra tua esperienza lavorativa e mia, s'intende.

Andrea Sacchini ha detto...

Che poi, alla fine, è una pagnotta sempre più risicata. La questione degli stipendi l'avevo letta anch'io.

Andrea Sacchini ha detto...

Sono troppo giovane per telare, altrimenti a quest'ora l'avrei già fatto.

Andrea Sacchini ha detto...

Hai detto bene: impersonalizzazioe. Siamo ormai diventati quei "funzionari di apparati" di cui parla Galimberti.
Ciao Sari.

Andrea Sacchini ha detto...

Certo, è chiaro.

Fede

Dibattere amichevolmente con un cattolico è sempre un esercizio intellettualmente stimolante, e la chiacchierata di ieri con un collega ne è...