giovedì 14 ottobre 2021

Il quinto sì di Roger

Uno dei miei miti musicali di sempre, Roger Waters, alla veneranda età di 78 anni si è sposato per la quinta volta. Vista l'età potrebbe anche essere l'ultima, ma non si può mai dire. Liz Taylor, ad esempio, come è noto portò all'altare otto uomini. Facendo una facile battuta si potrebbe addebitare a Waters l'aggravante della recidiva, ma, si sa, al cuor non si comanda. 

Certo è che la facilità e la velocità con cui oggi si possono contrarre e sciogliere i matrimoni forse stride un po' con lo spirito dell'istituto in sé, ma questo è. D'altra parte è noto che, storicamente, solo da un secolo e mezzo scarso il matrimonio ha la sua base portante nella reciproca e libera scelta dettata dall'affetto reciproco; fin dalla notte dei tempi ha invece avuto esclusivamente motivazioni economiche o di prestigio sociale. Il contratto del matrimonio veniva imposto per suggellare apparentamenti tra casate e famiglie, per motivi di eredità, per questioni legate ai possedimenti terrieri, immobiliari ecc. Poi, se c'era l'amore, bene, altrimenti si procedeva comunque.

In fondo, quando Waters dice che adesso avrà qualcuno che si occuperà di lui, è un po' come se tornasse allo spirito che fu dell'istituto matrimoniale. Motivazione poco nobile e molto pragmatica, se vogliamo, ma probabilmente abbastanza in linea con lo spirito dei tempi odierni, oltre che di quelli passati.

4 commenti:

  1. La mia bisnonna ha avuto tre mariti, mi piace pensare che credesse molto nell'amore!

    RispondiElimina
  2. Me ne frego della vita privata degli artisti, tranne casi di abusi e violenze su minori e animali...
    Fatto sta che a formare coppia sono "sempre gli stessi", e vanno a svalutare il concetto di matrimonio, di unione in genere, oltre a mettere sinceramente in ridicolo chi ha amato davvero e sceglie di non voltare pagina giusto per non restare solo/a.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In genere me ne frego anch'io. Degli oltre 8500 post vergati in quindici anni credo che questo sia il primo del genere. Ma Waters è uno dei miei miti e la notizia mi ha incuriosito. Diciamo che l'ho utilizzata come pretesto per qualche brevissimo cenno storico sul matrimonio.

      Elimina

Buchi di memoria

Non credo capiti solo a me di svegliarmi al mattino con in testa una canzone. Stamattina, in macchina, canticchiavo una vecchia canzone di B...