martedì 28 dicembre 2021

Riforma fiscale

Leggevo stamattina qualcosa sulla recente riforma fiscale appena varata dal governo, in particolare sulla modifica delle aliquote Irpef, che prevedono ora quattro scaglioni invece di cinque. In generale, sono previsti sgravi fiscali un po' per tutti, ma distribuiti in modo abbastanza disomogeneo. Non può non saltare all'occhio, ad esempio, che i maggiori benefici in termini di risparmi li avranno i redditi medio-alti, come si vede chiaramente dalla tabella qui sotto, pubblicata stamattina da La Stampa.


Ignoro i motivi per cui si sia deciso di avvantaggiare economicamente chi è già più che avvantaggiato (a chi sta nella fascia di reddito tra i 42.000 e i 54.000 euro, tipo ad esempio un dirigente, viene riconosciuto un risparmio doppio rispetto a un operaio), ricordo però che l'idea di abbassare le tasse ai ricchi è un vecchio mantra della destra che affonda le sue radici nelle amministrazioni Reagan degli anni Ottanta. 

L'idea era che la diminuzione delle tasse ai più facoltosi rappresentasse un formidabile stimolo per l'economia. Poi, col tempo, si è visto che questo sballato sistema tassativo non dava nessuna spinta all'economia e serviva solo ad aumentare le forbice delle diseguaglianze, come del resto ha messo da tempo nero su bianco ogni studio economico

Dal momento che viviamo in un paese dove già questa forbice è ampia, e due anni di pandemia hanno contribuito ad allargarla ancora di più, si sperava che l'intervento fiscale del governo andasse nella direzione di una sua riduzione. Si sperava, ma in fondo non ci si credeva più di tanto.

6 commenti:

Enri1968 ha detto...

Lascia fare al draghi... mah

Enri1968 ha detto...

C'è troppa piattezza nella sinistra al governo.

Andrea Sacchini ha detto...

Perché, al governo c'è una componente di sinistra? Toh, mi dev'essere sfuggito.

Enri1968 ha detto...

Si, scusa solo nominalmente.

Gas75 ha detto...

Starò perdendo la memoria ma non ricordo una manovra fiscale a vantaggio dei ceti medio bassi.

Andrea Sacchini ha detto...

Qualche briciola qua e là, come del resto succede anche con questa riforma fiscale, ma niente di più.

Liliana Segre e Chiara Ferragni

Non vedo dove sia lo scandalo se Liliana Segre invita Chiara Ferragni a visitare il Memoriale della Shoah. Chiara Ferragni ha un potenziale ...