venerdì 3 dicembre 2021

Prima del covid

Pagine e pagine e pagine e pagine, su ogni sito e ogni giornale. Capisco che una pandemia è una situazione nuova, inedita per le nostre generazioni, ma ogni tanto mi viene da chiedermi di cosa parlassero i giornali prima del suo arrivo. Con cosa riempivano tutto lo spazio che riempiono adesso con la pandemia? E quanto dello spazio che viene ad essa dedicato ha una sua reale utilità?

22 commenti:

  1. Bella riflessione.
    Si parlava di politica, applicata ad altri argomenti. Ora si parla di politica quasi solo applicata al covid...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. E per fortuna che stiamo entrando nel vivo dell'elezione del successore di Mattarella, almeno ci distraiamo con quello :-)

      Elimina
    2. Eheh, sempre politica è... vorrei tornare a quando ero piccolo, quando scansavo questi argomenti XD

      Moz-

      Elimina
  2. E tu, allora? Quanti post hai dedicato ai vaccini e al covid? eh...contali e poi ne puoi parlare!
    Fausto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavo giusto valutando a chi dare il premio per il commento più simpatico del 2021. Il tuo ha buone probabilità di ottenere un buon piazzamento. Baci :-)

      Elimina
  3. E' tutto un blablabla, io ormai ho smesso di seguire, leggo solo pochi articoli selezionati di giornali di cui mi fido. Il problema è che l'eccesso porta alla nausea, non mi stupirebbe se avesse a che fare con l'insofferenza che molti provano anche verso vaccini/green pass, o con l'incuria che, a quanto pare, colpisce alcuni vaccinati.
    Ah, non sono io che vinco per il commento più simpatico? X°°D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei in lista anche tu, ma nel tuo caso l'aggettivo "simpatico" non è ironico ^^

      Elimina
  4. Il covid ci sta forse insegnando che società veramente siamo e quanta fiducia ciascuno di noi ha nella possibilità di dialogare con l'altro per costruire insieme una società migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, credo anche io che il covid ci stia insegnando parecchie cose. Oltre che a livello sociale, anche nei rapporti personali. Mi ha sorpreso, ad esempio, constatare che gli approcci nei confronti della malattia, del modo di affrontarla, di conviverci, di persone che conosco sono inaspettatamente diversi dai miei, e questa cosa, come ho detto, mi ha abbastanza sorpreso.

      Elimina
  5. La stessa domanda che mi faccio ogni volta che succede qualcosa di epocale, tipo la guerra del Golfo, l'attentato alle Torri Gemelle: quando succedono quelle cose, azzerata la cronaca ordinaria, come se il mondo si fermasse a guardare l'evento principale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Completamente azzerata forse no, ma sicuramente eccessivamente ridimensionata. Fino a un certo livello, questo modo di fare può anche essere considerato fisiologico, quando va oltre comincia a essere sospetto.

      Elimina
  6. è la solita caccia alle streghe... si riempiono i tempi, le pagine, le tv e tutta la comunicazione su una sola notizia, in modo tale da far passare tutto in sordina. Non è proprio da democrazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricorda un po' certi decreti che si usa far passare durante il periodo estivo, quando la maggioranza delle italiche genti si sollazza sulle spiagge e ha altro a cui pensare.

      Elimina
  7. Mi pare che parlassero solo di immigrazione dicendo sempre le solite cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pandemia è scoppiata poco dopo la caduta del governo giallo-verde, contraddistinto dai blocchi navali di Salvini nel Mediterraneo. In quel periodo lì, effettivamente, si è parlato di quello, anche se il fenomeno dell'immigrazione è sul tavolo ormai da una ventina d'anni e forse di più.

      Elimina
  8. Cè una sorta di allineamento notiziale, si concordo.
    Guarda due esempi recenti : arriva la variante omicron e le borse vanno giù, ma invece le due notizie reali sulle borse sono altre: il governo cinese ha "chiesto" a due aziende cinesi di fare il delisting dalla borsa di Wall Street. Ecco questi fatti non sono stati difatto pubblicati quasi da nessuna parte. Puoi immaginare se i cinesi si ritirano dalle borse come quotazione... no soldi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che dipenda dal fatto che i giornali parlano di ciò che interessa alla gente. Immagino che alle vicende economico-borsistiche tra USA e Cina gli italiani siano generalmente poco interessati.

      Elimina
    2. Andrea vorrei evitare di sentirmi fraintesa,per questo mi sono spostata su questo post,dove tu stesso ti ponevi le domande mie di oggi.Io questo intendevo ,come se anche tu fossi entrato in un vortice che davvero ti pone davanti alle domande : Con cosa riempivano tutto lo spazio che riempiono adesso con la pandemia? E quanto dello spazio che viene ad essa dedicato ha una sua reale utilità?

      Perdonami,non avevo la benche' minima intenzione di sminuire il tuo blog ma di dare risalto alla tua persona.


      L.

      Elimina
    3. Non ho mai inteso che tu avessi questa intenzione.
      Ciao, buona serata ;-)

      Elimina
  9. Sig. Sacchini principalmente si parlava di prescrizione con le varie bizze di Italia Viva ed eventuale Conte-Ter in caso di rottura dei renziani, il ripristino dei vitalizi in Senato con una manifestazione contraria di 10.000 persone a Roma, il salario minimo, la legge elettorale ecc questi erano gli argomenti più gettonati nei giornali e Tg, nel frattempo il benessere generale era aumentato e diminuita la disoccupazione, intanto però alcuni già paventavano l'arrivo di Draghi...

    Si stava talmente bene che persino gli spettatori negli stadi della serie A registravano crescite ragguardevoli... In media 26.000 spettatori contro i 23.000/24.000 degli anni precedenti.

    RispondiElimina
  10. Sig. Sacchini, legga questo articolo datato 14 febbraio 2020 de il Sole 24 Ore

    https://amp24-ilsole24ore-com.cdn.ampproject.org/v/s/amp24.ilsole24ore.com/pagina/ACBQODJB?amp_js_v=a6&amp_gsa=1&usqp=mq331AQKKAFQArABIIACAw%3D%3D#aoh=16387304190853&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s

    Visto? Già si parlava di un possibile arrivò del leader dei neoliberisti Mario Draghi...

    Era il 14 febbraio 2020, del Coronavirus già si parlava ma i conteggi in Italia erano ancora 0.

    RispondiElimina
  11. Correzioni

    arrivo

    contagi

    Scrivere da smartphone non è facile!

    RispondiElimina

Siccità e preghiere

Ogni anno, in occasione dell'arrivo della siccità, giornali e telegiornali si premurano di informarci che, mediamente, metà dell'acq...