martedì 7 gennaio 2020

Tra classici e best sellers

Umberto Eco, più o meno a partire dal minuto 2:00 di questo suo intervento, osserva una cosa molto interessante. Noi, oggi, in letteratura tendiamo a distinguere tra i cosiddetti classici e i best sellers, ascrivendo i primi a tutta quella serie di libri, generalmente appartenenti a un passato più o meno remoto, che possono essere inseriti in un canone e che sono considerati seri e fondamentali per la nostra cultura; i secondi a quel genere letterario contemporaneo prevalentemente composto da libri più "leggeri" che in genere si leggono per diletto.

Qual è l'osservazione di Eco? Che anche quelli che oggi consideriamo classici in passato sono stati best sellers. Lo era la Bibbia, lo erano I promessi sposi, e lo erano anche molti testi che poi, per qualche motivo, non sono sopravvissuti. Della poetica di Aristotele, ad esempio, ci sono arrivate alcune tragedie di Sofocle mentre altre sono andate perdute; nel 1700 a Dante non lo poteva vedere più nessuno, tanto che ci è mancato poco che cadesse per sempre nel dimenticatoio e via dicendo. E i motivi per cui certi classici sono arrivati a noi e altri no, è spesso da addebitare al caso o alla fortuna.

Certamente le implicazioni di queste osservazioni non sono di poco conto, perché da esse potrebbe conseguire che tra i classici di domani potremmo trovare Fabio Volo, e ad accostare un libro di Volo a Madame Bovary di Flaubert o a Delitto e castigo di Dostoesvkij può capitare di avvertire un pelino di stridore. Ma se è vero che molti di quelli che oggi consideriamo classici sono arrivati fino a noi anche per caso o fortuna, non è effettivamente da escludere che i posteri potrebbero annoverare Volo tra i suddetti classici.

5 commenti:

  1. Condivido la riflessione.
    Aggiungo che tanti libri che noi oggi annoveriamo tra i classici, non piacquero sempre e a tutti i critici quando furono pubblicati. È successo, ad es. a Svevo, Fitzgerald o la Dickinson soprattutto a inizio carriera, quindi voglio dire... un autore dei nostri giorni può non sembrarci fornito di tutti i requisiti (che poi quali sarebbero?) Perché i suoi libri diventino un domani dei classici senza tempo, ma in realtà non possiamo saperlo :-D

    Magari proprio su volo non rischierei la scommessa..., su moccia neanche però chi può dire che direzione prenderà la cultura?

    Ai posteri l'ardua sentenza ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, ai posteri l'ardua sentenza. Peccato che, come diceva Guccini, "noi non ci saremo" :)

      Elimina
  2. Certo oggi un autore ha possibilità diverse rispetto al passato per farsi conoscere, si comprano libri per scopi diversi e sono scritti spesso da non-scrittori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Io, ad esempio, che sono l'ultimo su questo pianeta che dovrebbe farlo, qualche anno fa ho cominciato a scrivere quello che nelle mie intenzioni voleva essere un romanzo. Ho scritto sei capitoli, che dovrei ancora avere archiviati in qualche cartella, e poi mi sono fermato chiedendomi: Ma cosa sto facendo? :-)

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

La "frociaggine" del papa

Alla fine sembra che quell'espressione papa Francesco l'abbia usata davvero. Dal Vaticano si affrettano a metterci una pezza dicend...