giovedì 10 giugno 2021

Vaccinato

Stamattina, dopo un mese di attesa dalla prenotazione a causa di alcuni disguidi di tipo telefonico che non sto qui a descrivere (li ho sintetizzati in questo commento sul blog di Gwendalyne), ho ricevuto la prima dose del vaccino anti-covid (Pfizer). Sto bene: niente mal di testa, né febbre (per ora), né dolori muscolari, né altro. Neppure il classico dolore post-iniezione al braccio. 

L'ho fatto alla Fiera di Rimini e devo dire che l'organizzazione è stata perfetta: pochissima attesa e orario assegnatomi rispettato. 

Curiosità. Sono in fila, in piedi, su un percorso transennato che va a zig-zag. Si avanza un metro alla volta. Davanti a me c'è una ragazza che legge un libro, un tomo che così, a occhio, sarà stato di 800 pagine. Ogni tanto alza lo sguardo e si accorge che la fila è avanzata e lei è rimasta indietro. Così si riporta avanti e ricomincia a leggere, restando naturalmente ancora indietro. La divertente scenetta si ripete tre o quattro volte, poi la ragazza è costretta, suo malgrado, a mettere via il tomo perché arrivata all'accettazione.

Eh, lo so, brutta malattia, i libri. E per questa non c'è vaccino che tenga, per fortuna.

12 commenti:

  1. Previdente la ragazza.. io ho fatto Astrazeneca nel momento di massima perplessità verso il vaccino "assassino". Eravamo pochi perché le prenotazioni venivano disdette in maniera esponenziale. Il 30 giugno ci sarà il richiamo, e mi preoccupa il delirio che vedo ora, ogni giorno, fuori dei pur svariati hub (centri vaccinali in inglese..ihih).
    Speriamo bene. Intanto sto scegliendo il tomo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia moglie e i miei genitori hanno fatto tutti AZ, sia prima che seconda dose, e nessuno ha manifestato alcun tipo di sintomo (escluso un lieve mal di testa a mia moglie per qualche ora). Direi che sia andata bene.

      Elimina
  2. Allora mi hai battuto.
    Io il classico dolore al braccio l'ho avuto. 😉
    E non ho portato con me nessun libro, perché qui si attende al massimo dieci minuti. Quindi non ne valeva la pena.
    Benvenuto nel club dei vaccinati. 😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io niente di niente, neppure adesso, a distanza di otto ore dall'iniezione. Oltretutto sono al lavoro, e ti dirò che una linea o due di febbre mi avrebbe consentito di saltarlo, per oggi. Invece niente, spero nel richiamo di metà luglio :-)

      Elimina
    2. Attento Andrea...
      Sei sempre un uomo.
      Con due linee di febbre potresti morire.
      Dunque, meglio una sola. 😂😂😂😜

      Elimina
    3. , sì, lo so, internet pullula di vignette sarcastiche sulla differnza tra uomo e donna quando sopraggiunge la febbre. Conosco la musica :P

      Elimina
  3. Vorrei scenette cosi in ogni dove, altroché. 😉
    Io avrei allungato il collo per sapere cosa stesse leggendo. 😁
    Buon per te che non hai avuto nessun sintomo negativo.
    Mi fa piacere. Buona serata Andrea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho provato a sbirciare cosa leggesse ma non ci sono riuscito. Pazienza.
      Buona serata a te, Pia :-)

      Elimina
  4. Io l'ho fatto il due giugno e ho avuto un po' di male di notte ma il giorno dopo mentre lavoravo è sparito tutto. Pfizer anche io. mio padre ha fatto il richiamo oggi di AZ e speriamo che possa tirare un respiro di sollievo fra qualche giorno e tornare a muoversi un po' liberamente. Pensa che al cinema molto probabilmente saro' il solo a vaccinarsi prima dell'autunno, gli altri colleghi non ne sentono il bisogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti può consolare, anche io ho colleghi così. Cosa ci vuoi fare?

      Elimina
  5. A me toccherà il 4 luglio. E per quanto riguarda la malattia dei libri... noto che sei quasi giunto alla fine del viaggio verso la Torre ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, settimo e penultimo libro della saga. Una bella cavalcata, direi :-)

      Elimina

Ricorrenze

C'è un signore che oggi compie gli anni, un signore che coi suoi libri, le sue canzoni, la sua poetica, ha indirizzato e influenzato gra...