sabato 19 giugno 2021

Code

Ci sono code allo snodo di Bologna e per buona parte dell'A14 verso Rimini. I cartelli luminosi scrivono eufemisticamente "Code a tratti", quando in realtà si tratta di vero e proprio traffico bloccato. Ma si sa, la parola d'ordine da parte di Autostrade è minimizzare, edulcorare, tanto poi nei fiumi di lamiere roventi mica ci stanno loro. Mi viene in mente quella bella canzone di Max Gazzé che a un certo punto fa: "Santi numi, ma che pena mi fate, strozzati e inghiottiti come olive ascolane, spiedini di carne in fila sulle autostrade. Saldare al casello [quando si arriva] tanto per ringraziare, sentirsi arrivati dopo un lungo weekend."

Io, che detesto il mare (in estate, in inverno mi piace), i fiumi di lamiere roventi, il casino, la folla, me ne sto qui sulla mia sedia, seduto all'ombra, sotto il portico, col mio fedele libro in mano. Soffia anche un po' di brezza, che rende il tutto più gradevole. Poi, più tardi, andrò probabilmente a fare una camminata nella solitudine delle colline qui dietro a casa mia, quelle colline da cui, in lontananza, se la giornata è tersa, si vede Rimini col suo casino infernale.

4 commenti:

  1. Sul mare la pensiamo uguale. Le "code a tratti" ahimè sono un incubo ricorrente per quanto mi riguarda, visto che macino km e km al giorno. Soltanto ieri, andando verso Treviso, ho perso un'ora e mezza all'andata e un'ora al ritorno. Ma lì non c'entrava il mare 😐

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mare lo preferisco d'inverno, anche se secondo Ruggeri è un concetto che il pensiero non considera, oppure anche in estate, ma alla sera, dopo le sette, quando non c'è più nessuno.

      Elimina
  2. noi due mi sa che quest'anno torniamo sull'Adriatico dopo tantissimi anni. Sono quasi sei anni che non facciamo vacanze e quest'anno riusciamo a trascorrere qualche giorno sul mare, anche perché poi torniamo subito al lavoro. Poi magari andiamo in Liguria o in Versilia. Vedremo. Io faccio il bagno ovunque (fiume, lago, pozze, mare, oceano) e amo tantissimo il caldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, su questo versante qui direi che io e te non siamo compatibili per niente :-)

      Elimina

Mancanze

Ogni tanto penso a quanto sarebbe bello se a vivere, e soprattutto a commentare, questo tempo assurdo ci fosse ancora Umberto Eco.