venerdì 11 giugno 2021

Dio e La donna cannone

Se credessi in Dio, non avrei alcuna difficoltà a immaginare che potrebbe avere ispirato De Gregori quando scrisse La donna cannone. Ci penso ogni volta che la suono al pianoforte: fatico a credere che un uomo, da solo, abbia potuto concepire una melodia e un testo del genere. Eppure è così.

8 commenti:

Ferruccio Gianola ha detto...

Quando De Gregori ha pubblicato La donna cannone avevo superato la mia "infatuazione" per il cantautorato italiano. Ero preso da altre mode musicale e suonavo altre cose. Questa canzone l'ho sempre ascoltata superficialmente, però mi è bastato leggere questo post per non vergognarmi a scrivere che considero "rimmel" ancora adesso la più bella canzone italiana degli anni settanta. spero che basti a suffragare la stima che ho per questo autore. Ciao

Andrea Sacchini ha detto...

Abbondantemente, direi.

cristiana marzocchi ha detto...

De Gregori,un genio, e ci aggiungo Dalla.
Questa mattina, ho accesso la radio mentre trasmetteva 'Canzone' Di Dalla: mi sono emozionata.

Andrea Sacchini ha detto...

Vero. Purtroppo un genio che non è più tra noi.

Franco Battaglia ha detto...

Se credessi in Dio..ti basterebbe Smoke on the water..😉

Caterina ha detto...

Una meravigliosa poesia...De Gregori è tra i più grandi cantautori italiani..uno dei miei preferiti in assoluto

Andrea Sacchini ha detto...

Vero. Ha scritto vere e proprie poesie in musica.

Andrea Sacchini ha detto...

Altro genere, Smoke on the water, anche se a suo modo è anche quella un capolavoro.

La Nato al fronte?

Non so se e quanto ci sia da preoccuparsi riguardo alle voci di un impiego diretto di soldati della Nato nella guerra in Ucraina, specialmen...