domenica 2 dicembre 2018

Vuoi la cittadinanza? Devi conoscere la lingua

Tra le tante mostruosità contenute nel Decreto (in)sicurezza, o Decreto Salvini che dir si voglia (qui i punti principali), c'è il raddoppio del tempo necessario per ottenere la cittadinanza italiana. Prima l'iter richiedeva almeno due anni, da ora saranno quattro, e tra i requisiti essenziali per ottenere l'agognato status ci sarà la conoscenza della lingua italiana. Leggendo qua e là, credo che, a occhio, un buon tre quarti dei milioni di seguaci di Salvini sui social non abbia diritto di avere la cittadinanza. Dettagli.

Nel frattempo, grazie alla stretta sugli Sprar e centri di accoglienza e integrazione vari, oltre all'abrogazione della protezione umanitaria, svariate centinaia di persone stanno già cominciando a essere buttate in strada. Così, come capita, senza soluzioni alternative, in pasto al niente, e chi si occupa di immigrazione ha già calcolato che i cinquecentomila immigrati irregolari già presenti sul territorio diventeranno a breve più di seicentomila. Un esercito di disperati in giro per le nostre città senza meta né prospettive. Come un simile scenario possa portare a una maggiore sicurezza collettiva è un mistero che solo Salvini e i suoi seguaci conoscono.

Stupisce, in tutto questo scempio, il silenzio dei grillini, se si esclude qualche uscita estemporanea, riconducibile a qualcosa che assomiglia a un barlume di intelligenza, di Roberto Fico, presidente della Camera. A parte questo, un silenzio imbarazzante, specialmente se si considera il livello delle proteste pentastellate quando Minniti faceva, coi suoi provvedimenti sull'immigrazione, un decimo dei disastri che sta facendo oggi Salvini.

Nessun commento:

Posta un commento

La Giornata della memoria (con un po' di storia)

A dire il vero non volevo scrivere niente sulla Giornata della memoria, perché tutto l'universo Internet ne parla e il mio contributo no...