domenica 16 dicembre 2018

Non è Alberto Angela

Magari aveva solo bisogno di ulteriori conferme, non lo so, tutto è possibile. Ma se le cercava, le ha trovate. Matteo Renzi, dico, che all'esordio della trasmissione in cui si è travestito da Alberto Angela raccontando Firenze è stato visto giusto da qualche parente.

Inutile dire che se la medesima trasmissione l'avesse effettivamente condotta Angela avrebbe avuto ben altri ascolti. Ma lui è così. È come se non riuscisse a farsi una ragione del fatto di stare sulle scatole all'Italia intera e cercasse continuamente occasioni in grado di smentire questo dato di fatto.

Magari arriverà un giorno in cui si arrenderà e se ne farà una ragione. Quando narcisismo e ipertrofia dell'Io glielo consentiranno, naturalmente.

Nessun commento:

Posta un commento

L'attentato a Trump

Già la rielezione di Trump era fino a oggi piuttosto probabile, adesso direi che sia quasi sicura. L'immagine di lui col viso insanguina...