lunedì 30 dicembre 2019

Stiamo scomparendo senza invasioni

Diceva Massimo Cacciari che la prima cosa che dovrebbe studiare un politico per essere un buon politico è la demografia, perché niente meglio di questa scienza descrive l'evolversi di una comunità e niente meglio di questa scienza riesce a indirizzarne le leggi. Noi non abbiamo politici che studino la demografia; diciamo pure che, tranne poche eccezioni, non abbiamo politici che studino tout court, e questo lo sappiamo.

Perché la demografia? Perché l'ISTAT ha pubblicato oggi uno studio da cui si evincono sostanzialmente due cose: (1) siamo il paese più vecchio del mondo perché nessuno fa più figli e perché si campa troppo a lungo; (2) gli stranieri rappresentano l'otto e rotti per cento della popolazione, quindi non c'è nessuna invasione, come invece vuole la narrazione e la propaganda dell'ex ministro della paura e del giornalame di destra.

Il declino demografico e generale del nostro paese va naturalmente a braccetto col declino demografico dell'Europa, tanto che, diceva sempre Cacciari, se noi europei non vorremo sparire nell'arco delle prossime tre generazioni dovremo nei prossimi anni aprire le porte a milioni di lavoratori da altre zone del mondo.

Il futuro dell'Italia e dell'Europa è un argomento che dovrebbe stare a cuore ai cosiddetti sovranisti, ma è noto che questi signori non hanno mai dato eccessive prove di intelligenza e lungimiranza, e lo dimostra il fatto che in Europa si sono già costruiti mille chilometri di muri (dieci volte quello di Berlino) per tenere fuori chi vorrebbe entrare. E pure Salvini, qualche tempo fa, delirava di un muro da costruire sui nostri confini orientali per fermare i migranti della rotta balcanica. Perché? Perché nei deliri ignoranti di questa gente c'è il sogno di un'Italia popolosa, prospera e abitata solo da italiani.

Ora, che ogni popolo abbia i governanti che merita sarà anche vero, ma ci dovrebbe essere anche un limite.

3 commenti:

  1. Sono d’accordo con Cacciari.
    Nel mio piccolo ho sempre sostenuto che se non ci fossero i bambini stranieri come minimo sparirebbero in un colpo centinaia e centinaia di sezioni, almeno qui al nord, e di conseguenza posti di lavoro per insegnanti, collaboratori scolastici, dirigenti scolastici e via discorrendo. Senza contare che la “mescolanza” di “culture” e persone produce nuova linfa, nuova bellezza, anche estetica, nuova genialità, nuove intelligenze e lo posso dire e affermare a tuttotondo per esperienza.
    Io mi auguro che un “invasione” avvenga davvero così l’Italia non sarà più destinata a divenire un Paese di soli vecchi. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È verissimo. Non è un caso che tutte le grandi civiltà (Grecia, Egitto ecc.) siano nate sul mare, nei porti. Perché lì c'era la mescolanza, la "confusione" delle culture e delle lingue. Non abbiamo notizie di civiltà nate sulle cime delle montagne. Culture diverse che si incontrano portano anche problemi, è naturale (usanze, abitudini, lingue diverse), ma per contro c'è un arricchimento reciproco che è prezioso. Se noi abitanti dello stivale fossimo rimasti chiusi nelle nostre quattro mura, oggi non avremmo neppure la pasta al pomodoro.
      Ciao sinforosa.

      Elimina

La casa senza ricordi

Di Donato Carrisi avevo letto, tempo fa, Il suggeritore e l'avevo trovato molto avvincente. Questo, invece, il suo ultimo romanzo, abba...