sabato 26 settembre 2020

Quindici giorni (prorogabili), non un mese

Stamattina mi ha telefonato la bibliotecaria per avvisarmi che L'angelo di Monaco è rientrato e posso andarlo a prendere. Avevo prenotato il romanzo in questione agli inizi di giugno e avevo già visto dal mio profilo sul sito della biblioteca che prima di me era stato richiesto da altri due utenti. Considerando che il prestito ha la durata massima di un mese, avevo calcolato che il libro sarebbe stato disponibile alla lunga agli inizi di agosto. Naturalmente sapevo che il mese può essere prorogato di un altro mese con una semplice telefonata o una mail, ma non pensavo che i miei predecessori non sarebbero riusciti a leggere un normale romanzo in trenta giorni. Evidentemente non ci sono riusciti.

Dipendesse da me, fisserei la durata massima del prestito di un libro in quindici giorni, senza proroghe. Mi sembra un periodo più che congruo, dal momento che generalmente un romanzo medio consta di due o trecento pagine. Insomma, a meno che non si prendano in prestito tomi tipo Il signore degli anelli, It o Il conte di Montecristo (in questi casi ci potrebbe pure stare una proroga), un romanzo in due settimane si deve leggere.

Oggi pomeriggio, quando andrò a prendere il libro, lo proporrò alla bibliotecaria.

6 commenti:

  1. Secondo me non è che non hanno il tempo di leggere, è che si dimenticano di restituire. O di leggere. E una piccola sanzione economica per chi tarda a restituire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La biblioteca di Santarcangelo ha come unica sanzione, in caso di ritardo nella restituzione, una sospensione del diritto a chiedere libri in prestito. La sanzione economica è prevista solo in caso di danneggiamento o smarrimento dei libri. Diciamo che anche io sarei per estenderla ai ritardi nella restituzione.

      Elimina
  2. E la bibliotecaria alla tua proposta cosa ti ha risposto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che la faccenda non è di sua competenza in quanto lei è solo una dipendente. Un classico.

      Elimina
  3. Nelle biblioteche comunali di Modena vige la regola, a mio parere semplice e saggia, che il rinnovo del periodo di lettura è subordinato alla mancanza di richieste di lettura da parte di altri utenti. Insomma, tenetelo pure un mese, ma se qualcuno lo chiede nel frattempo, dopo un mese il libro deve essere disponibile.

    RispondiElimina

La Giornata della memoria (con un po' di storia)

A dire il vero non volevo scrivere niente sulla Giornata della memoria, perché tutto l'universo Internet ne parla e il mio contributo no...