sabato 7 luglio 2007

Io sto dalla parte del toro (2)

Come ho già scritto l'anno scorso sul mio sito internet, in occasione della corrida a Città del Messico durante la quale un toro ha saltato la recinzione e ha cominciato a distribuire cornate a destra e a manca, anche per la nota celebrazione annuale dell'encierro di Pamplona, io sto dalla parte del toro.

Scusate, ma non ho mai concepito l'autolesionismo.

2 commenti:

  1. Ahimè questo non è autolesionismo. Qui si tratta di spettacolirazzione del maltrattamento verso gli animali (il toro è un animale, ma forse lo si dimentica) misto a vecchie tradizioni dure a morire!

    Sicuramente si potrà obbiettare che vicino casa nostra ci sono giornalmente uccisioni di vitelli e polli solo per dilettare i nostri banchetti. Questo è vero. Ma sicuramente il momento della soppressione dell'animale non mi pare sia occasione per una festa di paese!

    Se qualcuno a Pamplona ad es. si spezza l'ossicino del collo durante i tumulti cittadini, sono pronto a gioire insieme ai tori!!

    RispondiElimina
  2. Anche perché questo è uno di quei casi in cui uno, diciamolo, un pò se l'é cercata.

    RispondiElimina

Mancanze

Ogni tanto penso a quanto sarebbe bello se a vivere, e soprattutto a commentare, questo tempo assurdo ci fosse ancora Umberto Eco.