domenica 24 dicembre 2006

Dio? Al decimo posto

Mi è dispiaciuto, un pò, leggere i risultati di questo sondaggio, svolto in Inghilterra su un campione di 2500 bambini sotto i 10 anni. Sarà forse perché è Natale, boh, non lo so.

Fatto sta che è stato chiesto ai pargoli di indicare una scala di valori in cui inserire le cose per loro più significative e quelle che considerano più importanti per il loro futuro. La maggior parte ha messo al primo posto la celebrità, al secondo "essere belli e piacevoli" e al terzo la ricchezza (secondo me in tutto questo c'è lo zampino della tv). Per trovare qualcosa di più "sostanzioso" dobbiamo scendere fino al decimo posto, dove troviamo Dio. In compenso lo stesso Dio è stato indicato, sempre dai bimbi, come "la persona più famosa del mondo", seguito da Bush, Gesù e Babbo Natale (mi fa un certo ché Bush tra Dio e Gesù, vabbè...).

Pur essendo uno studio basato su un campione relativamente piccolo di soggetti (ne ha parlato anche il Corriere), e quindi non necessariamente specchio fedele della realtà, dispiace comunque vedere come già in tenera età molti bambini abbiano le idee (fin troppo) chiare su quali siano i valori a cui fare riferimento.

2 commenti:

  1. Azz ma non ti riposi mai!
    Comunque questo post e' molto triste perche' rispecchia un'amara verita': la televisione ha inguaiato (e sta inguaiando) il mondo. Il messaggio del Santo Padre di oggi casca quindi come il "cacio sui maccheroni", ma credo che non tutti lo recepiranno.

    Comunque colgo l'occasione per rinnovarti i miei auguri di Buon Natale (o come diceva il mio parroco di campagna, un sant'uomo) un "Natale Buono".

    Ciao

    RispondiElimina
  2. > Azz ma non ti riposi mai!

    Sembrerà strano, ma il mio modo di riposarmi è scrivere: è per questo che sono arrivato a pubblicare anche 3 post in una giornata. Soffro di una lieve forma di "grafomania" ^_^

    Purtroppo concordo, la televisione sta facendo più danni di quello che sembra a prima vista.

    Il papa invece lo lascerei stare: ultimamente non sono molto d'accordo con quello che dice.

    RispondiElimina

Urlare (quando si è opposizione)

Giulio Cavalli fa notare come sia facile, dai banchi dell'opposizione, strillare cose come "la pacchia è finita", l'Italia...