venerdì 13 maggio 2022

Senza troppo rumore

Senza troppo rumore, almeno qua dalle nostre parti, il Congresso americano ha approvato lo stanziamento di 39,8 miliardi di dollari di "aiuti" all'Ucraina. Di questa montagna di soldi, 6 miliardi vanno per la formazione dei soldati, 8,7 miliardi vanno a ricostituire le scorte di armi già inviate in passato. Con questo stanziamento, il totale dei finanziamenti inviati dagli USA all'Ucraina ammonta a un totale di 54 miliardi, per la stragrande maggioranza utilizzati per armamenti.

Ora, io non sono un esperto di questioni belliche o militari, ma mi chiedo: se questa non è una guerra per procura, che tutti ostinatamente insistono a negare, cos'è? E - domanda aggiuntiva - di questo passo, come si può sperare in una attenuazione del conflitto o in un cessate il fuoco? E - ultima domanda - se si continuano a fornire armamenti con questa assiduità e costanza, che in sostanza equivale a buttare benzina su un fuoco, cosa impedisce che si superi un limite oltre il quale si entra in un ben poco auspicabile point of no return?

Chiedo.

4 commenti:

  1. Che poi le spese tagliate per la nostra sanità, in questo clima di belligeranza idiota, finiscono per non fare notizia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Leggevo giusto stamattina della cronica mancanza di medici e personale sanitario a causa dei tagli alla sanità fatti da tutti i governi negli ultimi vent'anni. Una situazione drammatica di cui non parla nessuno o quasi.

      Elimina
  2. Neppure io. Spero di sbagliarmi.

    RispondiElimina
  3. Lo stato canaglia.
    L'osservazione di Chomsky continua ad essere precisa.

    RispondiElimina

Galimberti da Augias

Nell'ultima puntata de La torre di Babele Corrado Augias ha avuto ospite Umberto Galimberti, filosofo che a me piace molto. Hanno parlat...