lunedì 2 maggio 2022

Altri mondi

Sono su una nave pirata che si prepara ad assaltare un vascello in navigazione sul Mar Caspio. Siamo nell'impero dei Parti sotto il re Vologase I, della dinastia degli Arsacidi, che governò la Partia dal 52 d.C. alla sua morte. 
Aveva ragione Umberto Eco: i libri sono una immortalità all'indietro, e leggere vuol dire vivere altre vite e viaggiare in altri mondi.

8 commenti:

Gas75 ha detto...

Vero, ma dipende anche da chi scrive quei libri. 😉

Andrea Sacchini ha detto...

Si, ma fino a un certo punto, secondo me :-)

Luigi ha detto...

Ma quanti libri leggi?

Andrea Sacchini ha detto...

Grosso modo un'ottantina all'anno. Purtroppo nella vita devo fare anche altre cose.

leggerevolare ha detto...

mi piace viaggiare in altri mondi

Andrea Sacchini ha detto...

Anche a me.

Gas75 ha detto...

Quando ero studente avevo anche io un divoratore di libri: fu la mia prof di Italiano del 3° anno di superiori ad avvicinarmi allo "studio" di altri autori per migliorare il mio modo di scrivere e descrivere. Ora leggo ancora, ma con un ritmo più basso.

Andrea Sacchini ha detto...

Anche io, oggi, ho un ritmo più basso rispetto a quando ero giovane. Oggi c'è internet, allora non c'era, e un certo tempo lo porta via.

Anarchici in famiglia

A volte invidio la vita "anarchica" di Francesca, mia figlia minore, anche se spesso non concordo con le sue scelte. Anarchica nel...