sabato 21 agosto 2021

Perché il virus ci ama

Lo so, 50 minuti possono essere un'eternità nel rutilante e velocissimo mondo di oggi, dove la riflessione ponderata e il pensiero organizzato sono visti come fastidiosi e inutili inciampi, ostacoli sulla strada oggi imperante degli slogan, in stragrande maggioranza privi di ragionamento retrostante. Ma se riuscite, prendeteveli questi 50 minuti, garantisco io.

Telmo Pievani, filosofo, biologo ed evoluzionista, in questi 50 minuti spiega in maniera esaustiva, autorevole, chiara (sono riuscito a capire agevolmente pure io) e coinvolgente come e perché si è originata (non c'è nulla di casuale, siamo stati noi) e si è sviluppata la pandemia con cui ancora combattiamo, perché il SARS-CoV-2 ci ama così tanto e perché siamo così stupidi da non aver ancora cominciato a mettere in atto gli accorgimenti affinché quanto accaduto non si ripeta.

Approfitto di questo post per ringraziare pubblicamente Siu, mia affezionata lettrice, per avermi fatto conoscere Telmo Pievani. Sono in debito, Siu ;-)


18 commenti:

  1. Debito già ampiamente ripagato da tutto ciò che attraverso il tuo blog mi hai offerto tu, caro Andrea.
    Io invece un blog non ce l'ho, contrariamente a quanto farebbe supporre il link attivo al mio nome. Che rimanda in effetti ad un blog, ma è defunto da più di un decennio: era di mio figlio con alcuni suoi amici, che dopo qualche mio commento mi avevano chiesto di collaborare (in fondo ad ogni singolo post si legge chi l'ha scritto, e i miei non sono molti).
    Tornando a bomba, sono felicissima che anche tu apprezzi Pievani, che del resto se lo merita ampiamente: penso solo a come sarebbe migliore il mondo se tutti quelli che blaterano/urlano a destra e a manca, a torto ma pure a ragione, gli assomigliassero anche solo un po'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assomigliare a lui temo sia difficile, diciamo che il mondo sarebbe migliore anche solo se tutti avessero la voglia e la propensione ad ascoltare, imparare, riflettere, leggere, informarsi, sviluppare un senso critico, tutte cose che si possono fare ascoltando personaggi come Pievani e altri, ugualmente interessanti e autorevoli.
      Così non è, purtroppo, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
      Ciao Siu ;-)

      Elimina
  2. Grazie Andrea, una lezione che dovrebbe essere trasmessa da tutte le reti televisive e una materia che dovrebbe diventare scolastica, anche perchè chiara e alla portata di tutti.Che poi le aziende farmaceutiche lucrino anche sul vaccino che potrebbe salvare milioni di persone, è abominevole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se le reti televisive utilizzassero anche solo una minima parte delle risorse che utilizzano per riempire le case della gente di ogni genere di ciarpame per fare informazione seria, documentata, autorevole, forse non saremmo a questo punto.
      Il discorso che ha fatto Pievani sui guadagni delle case farmaceutiche, guadagni che dovrebbero avere un limite oltre il quale i vaccini dovrebbero essere pubblici, è giustissimo. Ma, anche qui, si tratta purtroppo di parole al vento.
      Ciao Cristiana.

      Elimina
  3. Video molto interessante, che fa un'efficace panoramica sulla situazione. E, come sostengo io da tempi non sospetti, non basta vaccinare per debellare le pandemie, finché ci saranno ricettacoli ove i virus possano modificarsi liberamente, e su questo punto non è stato fatto assolutamente nulla.

    Post che merita la condivisione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che i vaccini non bastano. Sono importantissimi per tamponare l'emergenza del momento (stanno uscendo in questi giorni studi e ricerche riguardo al numero di morti evitati grazie ad essi), ma se non sono accompagnati da azioni in grado di prevenire che quanto accaduto col sars-cov-2 si possa ripetere, alla fine saremo punto e a capo.
      Il nostro guaio è che difficilmente facciamo tesoro di quanto ci accade, difficilmente impariamo le lezioni, specie se per metterle in pratica si devono andare a toccare interessi economici come quelli descritti da Pievani nella conferenza.

      Elimina
    2. Infatti Pievani parla dell'oblio... Cosa che ravviso un po' dappertutto, anche nel ridare il voto a idioti che hanno fatto danni.

      Elimina
  4. Un contributo davvero interessante! È sconfortante che quei famigerati mercati orientali ancora non siano chiusi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rappresentano il quarto business illegale al mondo dopo droga, esseri umani, armi: non chiuderanno mai.

      Elimina
    2. Cercherò dei libri di questo filosofo. Tuttavia mi pare che allo stato attuale siano solo gli animalisti che denuncino le condizioni di quei mercati di animali. Vedi il festival della carne di cane che fanno in Cina.

      Elimina
  5. Pensa che qui in Svizzera il numero di vaccinati con due dosi è leggermente sopra il 50%. Si sta muovendo qualcosa ma c'è una ritrosia sui vaccini molto forte, soprattutto a destra ma anche fra verdi, ecologisti e tanti stranieri che anche se vivono qui sono molto scettici sul vaccino. Per dirti che fra i miei colleghi ce ne sono parecchi non vaccinati. Non riesco proprio a convincerli, nemmeno di fronte alle evidenze e soprattutto facendogli capire che lavoriamo proprio in uno dei settori piu' colpiti da questa pandemia... Devo trovare un modo migliore ma non so quale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo dico per esperienza: lascia perdere, è tempo perso. Io ci ho rinunciato da tempo.

      Elimina
  6. Cari Andrea e Siu, grazie mille per avermi fatto conoscere Pievani e questo video interessantissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di nulla, ma dobbiamo entrambi ringraziare Siu, neppure io lo conoscevo.

      Elimina
  7. Su una cosa non son d’accordo con Pievani, non è vero che abbiano avuto le stesse reazioni psicologiche e comportamentali di quelli che hanno conosciuto la spagnola o la peste nei secoli scorsi.
    Loro non hanno avuto la D’Urso che ti insegnava a lavarti le mani!

    Dovremmo arrivare ad avere il sistema immunitario dei pipistrelli ma non ci resta tempo.
    Dovremmo imparare a contenere i danni, a circoscriverli imparando a comportarci correttamente anche se questo vuol dire rinunciare ad interessi economici importanti .
    Purtroppo l’uomo non ha mai imparato niente dagli errori passati è già tanto riuscire a non ripeterli.
    Per il resto concordo con il filosofo evoluzionista..adesso dobbiamo stare attenti ai batteri: spero di morire prima della prossima pandemia.
    Credo che fisiologicamente la mia dipartita sarà da default e anche quella della mia progenie.
    Quindi saran cazzi per chi rimane.
    Spero non troppo gravi.
    Ah..ho copiato il tuo commento autografato e messo sulla mia bacheca FB , spero non ti dispiaccia.
    L’ho intitolato commento da Standing Ovation.
    Quello riguardo ai vaccini e ai no-vax.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. >ho copiato il tuo commento autografato e messo sulla mia bacheca FB , spero non ti dispiaccia.

      Per nulla, solo non ho capito a quale ti riferisci. Per caso quello che avevo lasciato sul blog di Claudia?

      Elimina
  8. Sì.
    A quello, che poi l’avevi già scritto qua da te me pare un po’ di tempo prima.
    Te non hai Fb?
    Grazie per l’approvazione, ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ce l'ho più. Anni fa ci bazzicavo, ma poi ho abbandonato.

      Elimina

A proposito di Guccini

Francesco Guccini non ha mai dato il permesso di utilizzare per qualsiasi motivo i versi delle sue canzoni. Ha fatto una bella eccezione qua...