venerdì 9 marzo 2018

Non c'è stato nessun assalto per il Reddito di cittadinanza

Già i titoloni, così come lanciati da Repubblica e altri, erano sospetti e odoravano di iperbolica e interessata esagerazione lontano un chilometro. Poi quelli de Il post, notoriamente più assennati e abituati a raccontare le cose come stanno, hanno confermato l'esagerazione.

Chiarito ciò, è comunque innegabile che con questo benedetto Reddito di cittadinanza si sono messi una specie di cappio al collo sia i pentastellati che il centrodestra. Non è un mistero, infatti, che gran parte del successo dei grillini al centro-sud è proprio da attribuire a questa promessa. Ma non è neppure da escludere che buona parte dei consensi ottenuti dal centrodestra al nord abbia la stessa motivazione - Berlusconi in campagna elettorale l'ha chiamato Reddito di dignità ma è la stessa roba.

Il punto è che ora, chiunque dei due sieda nella stanza dei bottoni, ben difficilmente potrà esimersi dall'adempiere a questo impegno, pena un crollo verticale dei consensi acquisiti, e ci sarà da ridere quando si tratterà, materialmente e non più a chiacchiere come in campagna elettorale, di trovare le ingenti coperture necessarie a finanziare il tutto.

2 commenti:

CosmicMummy ha detto...

fa ridere che proprio loro adesso si stiano scandalizzando del fatto che stia girando questa bufala, loro che sulle fake news hanno fondato un partito e una campagna elettorale. sono stati ripagati con la stessa moneta!

Andrea Sacchini ha detto...

Concordo. Aggiungo solo che, chi più chi meno, una campagna elettorale basata sulle fake news (nella loro variante di promesse irrealizzabili) l'hanno fatta un po' tutti.