martedì 16 dicembre 2008

Italia Zeitgeist by Google

Il motore di ricerca Google ha pubblicato, come d'abitudine, la tabella coi termini più ricercati durante l'anno che sta per volgere al termine. Qualche giorno fa avevo pubblicato lo stesso tipo di rilevazione fatta però da Yahoo!. La pagina di Google coi risultati suddivisi per paese di provenienza è qui e nell'immagine qui sotto vedete la schermata relativa all'Italia.


Il termine in assoluto più ricercato nel nostro paese è "Youtube", a conferma della popolarità e del massiccio utilizzo che ne fanno i navigatori nostrani e non solo, visto che compare, seppur in posizioni diverse ma sempre in zone medio-alte, anche nelle ricerche effettuate dagli utenti di tutti gli altri paesi presi in esame. Forse il premier - che, ricordo, recentemente ha fatto causa proprio a Youtube - qualche motivo di preoccupazione effettivamente fa bene ad averla, ma non per i motivi sbandierati dei mancati introiti pubblicitari a causa dei filmati Mediaset caricati illecitamente da molti utenti, quanto per il fatto che in generale le balle di chiunque vengono sbugiardate sul portale nel giro di poche ore. E il fatto che il suddetto portale sia così popolare ovviamente non va bene.

Altra cosa che salta subito all'occhio è il termine "lavoro", che si piazza al terzo posto seguito da "casa". Certo, da una semplice classifica di questo tipo non è che si possa dedurre con precisione o interpretare altrettanto precisamente lo stato d'animo di un paese o le sue necessità (per fare una cosa attendibile bisognerebbe per lo meno rapportare il tutto alla percentuale di utenti che utilizzano internet, che, come è noto, nel nostro paese non è che sia delle più elevate); certo è che una così elevata percentuale di ricerche che hanno come tema il lavoro mi sembra perfettamente compatibile col periodo che stiamo attraversando.

Un'ultima cosa da segnalare, che a mio parere fa abbastanza riflettere, è la presenza - anche questo in posizioni sempre piuttosto elevate - del termine "facebook" e di molti altri in qualche modo ricollegabili ai social netwok.

Nessun commento:

Fede

Dibattere amichevolmente con un cattolico è sempre un esercizio intellettualmente stimolante, e la chiacchierata di ieri con un collega ne è...