sabato 13 dicembre 2008

[libri] Il Bavaglio, La Casta [/libri]

Purtroppo, almeno per quel che mi riguarda, il tempo da dedicare ai libri si è considerevolmente ridotto. Nei ritagli di tempo, comunque, leggere rimane uno dei miei passatempi preferiti. Ho letto in rapida successione i due libri che vedete nel titolo, e quindi, senza a stare a scrivere un post per ognuno, faccio una breve recensione di entrambi utilizzandone uno unico.


Il Bavaglio.





















E' un libro scritto a quattro mani da Marco Travaglio, Peter Gomez e Marco Lillo. E' uscito nello scorso mese di giugno pubblicato dalla casa editrice Chiarelettere, e attraverso un'analisi critica, accurata e documentata, fa un po' il punto sulle tre leggi vergogna che il governo ha messo in campo in ambito giustizia subito dopo essersi insediato. E cioè:
  • il lodo Alfano.
  • la legge che mette dei grossi paletti alla magistratura in tema di ricorso alle intercettazioni telefoniche (quella che nelle intenzioni doveva servire a bloccare la diffusione delle intercettazioni tra Berlusconi e Saccà) e che mette altrettanti paletti ai giornalisti circa ciò che possono pubblicare o meno (le intercettazioni sono tra l'altro tornate in auge questi giorni in vista della imminente discussione in parlamento della riforma della giustizia).
  • la legge che sospende per un anno tutti i processi di primo grado con pena massima fino a dieci anni e che siano stati commessi prima del mese di giugno 2002 (il provvedimento che doveva servire a bloccare il processo Mills).
Il saggio inizia con una introduzione piuttosto interessante, scritta da Pino Corrias, nella quale il giornalista elenca quali sono stati i veri motivi che hanno indotto Silvio Berlusconi, nell'ormai lontano 1994, a "scendere in campo". Sui tre punti elencati qui sopra, che costituiscono i temi principali che vengono analizzati, non sto a scendere di nuovo in particolari, anche perché di tutti e tre ho scritto spesso anch'io e quindi se desiderate approfondirli potete cercarli per parole chiave negli archivi del blog. Mi limito solo a segnalare che dei tre provvedimenti menzionati, allo stato attuale solo il lodo Alfano è a tutti gli effetti legge dello stato; la legge cosiddetta "ammazzaprocessi" è stata infatti accantonata (dopo l'approvazione del lodo Alfano è praticamente diventata inutile), mentre della questione delle intercettazioni, come ho detto, si dovrebbe cominciare a discutere a giorni.

Il libro, pur essendo in alcuni punti piuttosto "tecnico", specialmente quando va ad analizzare le tempistiche, le modalità e i dettagli delle vicende processuali che narra, è in generale scorrevole e di facile lettura e comprensione. E' uno di quei libri che merita di essere letto, specialmente da chi pensa (e sono tanti) che la combriccola al governo stia veramente lavorando per noi.






La Casta.
























La Casta è uno di quei libri che, a differenza di quanto ho fatto finora con tutti quelli che ho recensito, vi consiglio caldamente di non leggere. Perché? Molto semplice: perché è un libro che fa male! E fa male specialmente a quei cittadini che pagano le tasse e le pagano tutte, perché spiega in dettaglio dove vanno a finire, e come vengono spesso letteralmente buttati nel cesso, i soldi che noi diamo allo stato. Il libro-inchiesta, scritto da Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, è uscito per Rizzoli a maggio del 2007 ed è diventato in brevissimo tempo uno dei libri più letti e più venduti nel nostro paese. Racconta in modo estremamente documentato gli sprechi a livello di stato, province e comuni dei soldi pubblici.

Sarebbe riduttivo se provassi qui a fare un riassunto o a riportare qualche episodio in particolare, perché dovrei fare una selezione terribile. Il libro è suddiviso in capitoli, ognuno dei quali analizza in dettaglio un aspetto particolare di quella ingorda e insaziabile macchina succhiasoldi che è diventata la politica: si va dagli stipendi dei politici ai loro privilegi, dagli affitti a prezzi altissimi dei palazzi della politica nel centro di Roma alle spese assurde per il loro abbellimento e la loro manutenzione. Dal numero spropositato e assolutamente ingiustificato delle auto blu agli affitti a prezzi stellari di aerei a carico dello stato (noi) per scarrozzare lorsignori; dalle baby (e laute) pensioni a cui hanno diritto pochi privilegiati allo scandalo dei rimborsi elettorali, assolutamente sproporzionati alle somme spese dai singoli partiti.

Un capitolo a parte riguarda la pubblica amministrazione e gli enti locali, in particolare le province, che a tutti gli effetti nient'altro sono se non dei giganteschi carrozzoni perfettamente inutili, mantenuti da noi, utilizzati ormai solo come parcheggi per amici degli amici e politici trombati che trovano qui una seconda giovinezza. Insomma, sono profondamente diviso: da una parte mi piacerebbe che lo leggeste, dall'altra vorrei che lo lasciaste perdere per non rovinarvi il fegato.

Fate un po' voi.


Nessun commento:

Posta un commento

Obiezione di coscienza

Tra tutto ciò che ho letto e ascoltato relativamente all'obiezione di coscienza in campo medico, le parole più belle e condivisibili le ...