sabato 20 aprile 2024

20.000 euro


Mi fa un certo effetto questa immagine di Luciano Canfora mentre esce dal tribunale, un po' piegato sotto il peso dei suoi 82 anni. 

Canfora, uno degli ultimi grandi intellettuali contemporanei, è filologo classico, gregista, storico, saggista, ed è stato trascinato in tribunale dalla signora Meloni per averla definita "neonazista nell'anima" durante un incontro con gli studenti di un liceo. 

Frase forte, indubbiamente, sulla liceità o meno della quale deciderà un giudice. Ma, come ha detto giustamente Corrado Augias: "Quale nobiltà d'animo avrebbe dimostrato Giorgia Meloni se avesse detto: 'Il professor Canfora ha sbagliato, ma io nel frattempo sono diventata presidente del Consiglio [la vicenda risale a due anni fa] e non posso prendermela con un privato cittadino'."

Nobiltà d'animo che si è infranta inesorabilmente contro una richiesta di indennizzo di 20.000, miseri, euro.

13 commenti:

  1. Esempio patente del fatto che la nobiltà (d'animo), proprio come il coraggio, se una non ce l'ha non se la può dare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, Siu. Da incorniciare poi il commento di Canfora al suo rinvio a giudizio: "La storia non si querela, si studia."
      Applausi.

      Ciao Siu :-)

      Elimina
  2. Ma come si fa?E' una persona che ha detto quello che pensa.Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indubbiamente, ma a volte la linea che separa ciò che si pensa dalla diffamazione non è così ben demarcata. Seguiremo l'esito del processo sperando ovviamente che Canfora venga assolto.
      Ciao Olga.

      Elimina
  3. In realtà ha detto qualcosina di più:
    "
    Durante un intervento al liceo Fermi di Bari, dove era stato invitato per parlare della guerra d’invasione russa in Ucraina, Canfora aveva rivolto diverse critiche a Meloni, definendola tra le altre cose una «neonazista nell’anima», una «poveretta» e «una mentecatta pericolosissima». Il processo comincerà il 7 ottobre.
    "
    [Fonte: https://www.ilpost.it/2024/04/16/canfora-rinviato-a-giudizio-diffamazione-meloni]

    Come già commentato in un post precedente, mi sarei aspettato qualcosa di più. Soprattutto davanti a degli adolescenti. Mi sarei aspettato che si fosse limitato a nozioni storiche. Anche politiche, sarebbe andato bene. Nessun giudizio sulla persona, però.
    E «poveretta» e «una mentecatta pericolosissima» sono pienamente offese e calunnie.
    E in più le scuole sono un luogo delicatissimo dove esporre simpatie o antipatie politiche. Errore che non dovrebbe fare nessuno.


    Non l'avrei portato in tribunale. Però Luciano Canfora, ammesso che ciò che riporta il Post sia corretto, ha sbagliato su tutta la linea.

    Sono quelle persone da cui ti aspetteresti molto di più un discorso culturale, logico e approfondito, più che dei "giudizi di pancia".

    RispondiElimina
  4. In effetti le espressioni di Canfora è difficile non considerarle oggettivamente ingiuriose. Vedremo come sentenzierà il giudice.

    RispondiElimina
  5. Io ci tengo a precisare che sono d'accordo con voi: Giorgia Meloni avrebbe dovuto fare spallucce e andare avanti per la sua strada, ché adesso ha una missione molto più importante da compiere rispetto al sentirsi offesa.
    Ma purtroppo, quando sbagli, è anche giusto che te ne debba assumere le responsabilità. Se il giudice rivelerà un danno, questo danno va risarcito.

    RispondiElimina
  6. Anche secondo me, una constatazione non esclude l'altra: se da un lato Canfora è andato giù pesante fino all'ingiuria, dall'altro chi in questo momento detiene il massimo potere nello Stato dovrebbe dimostrare un'autorevolezza tale da procedere altrimenti che a suon di querele.

    RispondiElimina
  7. Giorgia Meloni avrebbe dovuto portare in tribunale anche me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Gas75
      Alcune volte si scrive più per gusto di sfida e provocazione,mandando a benedire il buon senso.Evidenza riscontrata in una frase di nove parole.Mi sorprende la sensibilità contraddittoria.Ciao

      L.






      Elimina
    2. Impara a mettere gli spazi dopo la punteggiatura prima di criticare il libero pensiero altrui, anonima nullità.

      Elimina
  8. Alcune volte si scrive più per gusto di sfida e provocazione,mandando a benedire il buon senso.Evidenza riscontrata e rafforzata nella ripetitività della stessa frase.

    Dovremmo evitare il più possibile motivazioni per essere portati in tribunale.Buon senso !

    L.





    RispondiElimina
  9. Se poi evitassimo di occupare spazio in casa d'altri reiterando commenti predicatori, soporiferi e fondamentalmente inutili, oltre che anonimi, sarebbe perfetto.

    RispondiElimina

La "frociaggine" del papa

Alla fine sembra che quell'espressione papa Francesco l'abbia usata davvero. Dal Vaticano si affrettano a metterci una pezza dicend...