mercoledì 1 aprile 2020

Salvini, D'Urso e l'Eterno riposo


Ci sono tre modi, credo, di reagire all'abisso di populismo in cui siamo precipitati, al confronto del quale la Fossa delle Marianne è una pozzanghera primaverile: incazzarsi, rassegnarsi o riderci su. Forse è meglio riderci su, anche se c'è ben poco da ridere.

20 commenti:

Guchi chan ha detto...

D'accordo sulla risata, che è sempre meglio dell'incazzatura e fa anche meglio alla salute, ma rassegnarsi mai. O vogliamo finire come gli ungheresi? XD

Alberto ha detto...

C'era uno slogan molti anni fa Sarà una risata che vi seppellirà.

Angela ha detto...

Un momento di tv, questo proposto da Barbarella e felpapig..., stomachevole e patetico. comunque si, sti due fanno anche ridere, per quanto sono vergognosi 😒

Francesco ha detto...

A me fanno incazzare tutti due..

Mariella ha detto...

Fino a quando ci sarà gente che li guarda assisteremo ancora a questi spettacoli indegni.

Andrea Sacchini ha detto...

Per carità! :)

Claudia Turchiarulo ha detto...

Io per fortuna sono atea, altrimenti credo che mi sarei arrabbiata.
In ogni caso, la risata proprio non mi esce...

Andrea Sacchini ha detto...

Amara.

Andrea Sacchini ha detto...

Un bel mix :)

Andrea Sacchini ha detto...

Comprensibile.

Andrea Sacchini ha detto...

Vero. Infatti il problema non sono tanto la D'Urso o Salvini, il problema è che ci sono masse di persone a cui questi spettacoli piacciono (persone che poi votano, tra l'altro).

Andrea Sacchini ha detto...

Possiamo trovare un compromesso con una risata amara, via :)

sinforosa c ha detto...

Io non guardo né l’uno né l’altra, per me non esistono, quindi!
sinforosa

Andrea Sacchini ha detto...

Tranquilla, credo che pochi di noi li abbiano guardati. Io ho l'ho letto il giorno dopo.

MikiMoz ha detto...

Tutto questo sarà la loro tomba, vedrai.
E poi sì che l'Eterno riposo avrà senso... :)

Moz-

Romina ha detto...

Questa è la prova definitiva, se mai ce ne fosse bisogno, che Salvini non è credente e che non gliene importa nulla della religione né della spiritualità in genere. Infatti, se fosse credente, non avrebbe degradato una preghiera così importante usandola in quel contesto abominevole. Quando ami davvero qualcosa o qualcuno, fai di tutto per proteggerlo ed evitargli umiliazioni ed oscene esibizioni. La vera preghiera è raccoglimento, concentrazione, comunicazione con il proprio io interiore, oltre che con la divinità, e dunque è qualcosa di molto intimo e profondo, qualcosa che, se credi veramente, non puoi e non vuoi fare in quel contesto; perciò Salvini ha svilito e umiliato quella preghiera e, in generale, il senso stesso delle preghiere, dimostrando così di prendere in giro tutti, compresi i poveri defunti, usati come merce per i suoi biechi disegni elettorali.

Andrea Sacchini ha detto...

Mi auguro tu abbia ragione. ;)

Andrea Sacchini ha detto...

Nella sua lunga vita politica (molti ignorano che Salvini è in politica da prima di Berlusconi) non c'è mai stata una visione, un progetto, un'idea da perseguire con coerenza. Tutto il suo agire politico è improntato alla ricerca del consenso facile e immediato, e questo lo ha portato ha dire sempre tutto e il suo contrario e utilizzare tutto (preghiere comprese) per mero tornaconto politico.
Non è il solo, intendiamoci, ma credo che con lui questo atteggiamento sia arrivato al parossismo.

Mia Euridice ha detto...

La mia reazione, invece, è di nausea.

fulvio ha detto...

Sono poco televisivo e non guardo mai i programmi tipo D'Urso tanto amati dai tantissimi italioti teledipendenti, ma Salvini lo leggo e sento e mi fa piu paura della Pandemia.
Ciao, fulvio

Fede

Dibattere amichevolmente con un cattolico è sempre un esercizio intellettualmente stimolante, e la chiacchierata di ieri con un collega ne è...