domenica 23 dicembre 2007

Cambiamenti (cambiamenti?) in corso

Non so se ci avete fatto caso, ma nel recente periodo sono sorti un certo numero di partiti nuovi (nuovi, insomma...), mentre altri hanno cambiato nome: Forza Italia è diventato il Popolo della Libertà (con risultati per ora così così), AN si chiamerà Allenza per L'Italia, sono nati il PD, La Destra (Storace) e Sinistra Arcobaleno.

Insomma c'è trambusto e aria di cambiamento nella politica nostrana. L'unico problema è che le facce sono sempre quelle. La vedo un po' come mettere una carrozzeria nuova a una macchina che ha sempre lo stesso vecchio motore e lo stesso numero di km.

Voi che ne dite?

3 commenti:

  1. Dico che non aspettavo altro! Vuoi mettere un partito che che cambia il suo nome con uno che conserva sempre lo stesso? Tutta un'altra storia! (GRRRRRRR!)

    Mi era sfuggito il cambiamento di AN: si vede che Fini vuole allinearsi al generale clima politico. Avrà pensato: "Perché io devo restare indietro?".
    Chissà se Mastella modificherà il nome del suo importante e corposo movimento, autentico baluardo dell'arte politica! Io avrei qualche suggerimento da dargli, un nome assai appropriato, ma evito di esprimermi in questa sede. :))

    RispondiElimina
  2. Ho ripetuto il "che" due volte. Problemi di sclerosi, abbi pietà. :)

    RispondiElimina
  3. Pensa se invece di avere partiti che cambiano nome ma non sostanza avessimo partiti che magari mantengono il nome ma cambiano dirigenti, segretari, modi di fare, di agire, di approcciarsi alla realtà della gente agendo e operando di conseguenza.

    Lo so, sono un sognatore, ma in fondo è Natale... ;)

    RispondiElimina

Bruno Vespa

Se durante la mia lunga carriera di lettore qualcuno mi avesse detto che sarebbe arrivato un giorno in cui avrei letto un libro di Bruno Ves...