mercoledì 19 dicembre 2007

Scoprirsi ignorante a 37 anni

Beh, adesso non prendete alla lettera il titolo, cercate di essere comprensivi. No, il problema vero è che quando uno pensa di sapere tutto ecco che subito viene impietosamente smentito (a me è capitato più di una volta e probabilmente capiterà ancora).

In questo caso la questione è grammaticale. In pratica mi sono accorto solo ora che per 37 anni ho messo l'accento in un posto che non ci andava, ovviamente sbagliando. Scrivere ad esempio "voglio un po' di pane" è corretto ("po'" in questo caso sarebbe la troncatura di "poco"), scrivere "voglio un di pane" (come ho appunto fatto negli ultimi 37 anni) è sbagliato. E io che pensavo di essere un grande scrittore... ;)

E vabbè, me ne farò una ragione. L'unica (magra) consolazione è che non sono il solo a sbagliare (almeno così dice spellweb.com):




Mi piacerebbe sapere quante castronerie continuo tranquillamente a scrivere senza accorgermene.

Nessun commento:

Fede

Dibattere amichevolmente con un cattolico è sempre un esercizio intellettualmente stimolante, e la chiacchierata di ieri con un collega ne è...