lunedì 20 novembre 2006

Un orgasmo ci salverà dalla guerra?

Come avrete notato dal tenore del post precedente, ogni tanto mi piace un pò divagare verso cose e argomenti un pò meno seri di quelli che sono solito trattare; argomenti, se vogliamo, più "frivoli" che però possono - perché no - essere l'occasione per distrarsi e divertirsi un pò. Anche perché poi sono convinto che ogni tanto qualche piccola dose di "non prendersi troppo sul serio" possa giovare all'equilibrio psichico (specialmente del mio ^_^).

Bene. Per chiudere (momentaneamente) la breve serie dei "post poco seri" volevo segnalare che se per caso per il 22 dicembre non avete ancora programmato niente, c'è la possibilità di fare un piccolo gesto per contribuire ad estirpare la piaga delle guerre nel mondo: e cioè una bella "copulata".

"Alé, Andrea è rincretinito del tutto", scommetto dirà qualcuno. Nonostante ogni tanto effettivamente lo pensi, no, non sono (ancora) rincretinito. Riporto semplicemente anch'io la notizia dell'originale iniziativa, partorita da due pacifisti americani, che sta facendo in queste ore il giro della rete: e cioè un bell'orgasmo collettivo per tentare (cavoli, faccio fatica a spiegarlo anch'io) di cambiare le cose grazie all'immensa energia positiva che si dovrebbe liberare da questa specie di trombata di massa (se volete c'è anche il sito ufficiale, è qui).

Naturalmente la cosa va presa per quello che è, e cioè una specie di goliardata, un tentativo di portare all'attenzione generale (seppur con mezzi discutibili) un problema comunque non da sottovalutare. E quindi tutto può essere utile (qualcuno bisognerà comunque che avvisi Rocco Siffredi: in caso questa cosa dovesse avere una qualche valenza scientifica lui potrebbe certamente portare un buon contributo ^_^).

Questa storia mi ha fatto venire in mente la curiosa bufala, che circolava in rete quest'estate, del World Jump Day, ossia quella strampalata storia (a cui per la verità parecchi hanno abboccato) secondo cui, saltando tutti insieme in un determinato momento, sarebbe stato possibile modificare l'orbita terrestre.

E vabbè, la rete è fatta anche di questo. Comunque sia, manca ancora un mesetto all'evento e quindi c'è tutto il tempo di prepararsi.

Nessun commento:

Anarchici in famiglia

A volte invidio la vita "anarchica" di Francesca, mia figlia minore, anche se spesso non concordo con le sue scelte. Anarchica nel...