mercoledì 22 novembre 2006

Cadaveri in passerella

Lo ammetto, sono stato più di 5 minuti a pensare come iniziare a scrivere questo post, quali parole usare.

Penso che abbiate sentito in questi giorni della morte di due modelle brasiliane, avvenuta in seguito a complicanze dovute a scarsa alimentazione.

La cosa in sé è (almeno da parte mia) difficilmente comprensibile. E' possibile che sia così di moda essere magre? E magre fino a questo punto? Ma cosa hanno di attraente questi scheletri che camminano?

Ora io capisco che la donna possa essere costituzionalmente più magra o più rotondetta; è normale. Ma qual è il meccanismo che spinge a questi comportamenti auto-distruttivi? Perché già a 12 anni ci sono ragazzine che vogliono dimagrire? Forse perché in tv, sui giornali, sui manifesti vengono proposti modelli sbagliati? Viene messa in risalto la donna longilinea, magra e senza cellulite?

Mi è venuto istintivamente da pensare a quelle donne che vivono nei paesi africani dove ci sono la fame e le malattie, delle quali ogni tanto (tra uno spot e l'altro) la tv ci manda qualche immagine. Donne scheletriche che tengono in braccio bambini con la testa a penzoloni. Pensate cosa direbbe una di queste donne sapendo che anche da noi si muore di fame... ma per andare in passerella.

Mentre girovagavo per la rete, ho poi trovato una cosa che mi ha fatto rabbrividire. In questa pagina di Quotidiano.net, per esempio, è riportato l'indirizzo di un blog frequentato da ragazze in guerra contro il cibo. Se non ho capito male, ogni iscritta lascia i suoi dati (peso) che vengono aggiornati giornalmente in una folle gara a chi riesce a dimagrire di più. La titolare del blog, ad esempio, ha 17 anni, è alta 170 cm e pesa 55 kg. Il suo obiettivo? Arrivare a 48 (possibilmente viva).

Auguri.

16 commenti:

  1. Mandiamole a zappare un po' la terra a 'ste qua. Le anoressiche sono persone annoiate, viziate, con la testa pippata. Un sano e faticoso lavoro manuale farebbe loro bene. Parlo per esperienza. Comunque siamo messi tutti malaccio eh?!Ci propinano non solo modelli extra small ma anche donne col muso uguale, stile trans. Diventeremo esseri umani brutti, magri e moribondi. Rivoglio la bellezza contadinaaaaa. Soprattutto rivoglio la cellulite, bocche normodotate e nasi aquilini.

    RispondiElimina
  2. Credo che basterebbe distruggere i televisori ed eliminare il problema alla radice. Ma poi penso che in televisione ogni tanto (soprattutto la notte) qualcosa di buono viene proposto. Allora sopprimiamo i vari Cuc**za, De Fi***pi, e trasmissioni simili (ci vorrebbero forse 100 pagine per elencarle tutte). E nel contempo chiediamo piu' documentari, piu' teatro, etc. insomma piu' cultura.

    Ma forse sto volando troppo, eh?

    Ciao

    RispondiElimina
  3. Oddio, non so dire, siceramente, se le anoressiche siano tutte persone annoiate e viziate: anche perché pare si tratti di una vera e propria malattia. Comunque non so, potrei sbagliarmi, non ci sono dentro.

    Al limite bisognerebbe indagare su quali sono le cause che la provocano. E qui, come dici giustamente tu, Gaetano, la parte del leone per quanto riguarda la responsabilità ce l'ha sicuramente la tv.

    > "Ma forse sto volando troppo, eh?"

    No, non stai volando troppo. Sai cosa diceva il grande Jim Morrison?

    "E' nel momento in cui dubiti di poter volare che perdi per sempre la facoltà di farlo".

    RispondiElimina
  4. allora se è una malattia di certo la causa non è la TV. Una malattia ha fattori organici, non di stile televisivo o di educazione. Di quale anoressia parli, qui?

    RispondiElimina
  5. Dunque, non sono un medico e quindi mi baso su quello che leggo. Io la vedo così: l'anoressia è una malattia che viene provocata da certi comportamenti errati, tra cui la ricerca ossessiva della "magrezza" (si dice?) per emulare quello che ci propina la tv. Quindi la televisione non è la causa diretta che la provoca, ma una specie di "concausa" indiretta.

    Aiuto, c'è qualche medico online che può dir la sua?

    RispondiElimina
  6. "Ma forse sto volando troppo, eh?"

    Ma anche fattori "ambientali", come la TV

    RispondiElimina
  7. Scusate! Ho sbagliato a quotare

    "Una malattia ha fattori organici"

    Ma anche fattori "ambientali", come la TV

    RispondiElimina
  8. Voglio dire una cosa: l'anoressia è una malattia mentale. Alcuni la definiscono malattia nervosa. Nasce da un grave disagio personale e dal desiderio, non troppo inconscio, di suicidarsi subdolamente. Le cause, quindi, sono molto profonde e non sempre capibili fino in fondo. Alla base, sicuramente, c'è una severa mal stima di sè. In questo caso la Tv e i modelli televisivi sono solo un piccolo contorno, non ne sono la causa.
    Però ci sono casi in cui questi modelli fanno scattare una particolare molla nell'adolescenza di molte ragazze. Qui non si tratta di anoressia vera e propria, bensì di una forma di insicurezza del proprio corpo e del proprio modo di essere. In entrambe le situazioni i risvolti possono essere assai gravi, fino alla morte o a gravi patologie renali ed epatiche se non addirittura cardiache. Volevo sottolineare che è la partenza ad essere diversa. Per molti che guardano solo il terribile risultato può non essere importante, ma secondo me lo è e credo non lo sia nemmeno per la terapia psichiatrica/psicologica che deve essere sempre svolta non da un singolo ma da una equipe. Uh, scusa se mi sono dilungata e ho voluto fare specificazioni ma questo è un problema che mi "appassiona".

    RispondiElimina
  9. Non posso che essere totalmente d'accordo, specialmente sul fatto che sia veramente complesso capirne le cause in tutte le loro molteplici sfaccettature.

    Probabilmente i 'fattori ambientali' come la tv, di cui parla Gaetano, fanno parte di quel cocktail micidiale che unito a cause più "serie", tipo appunto la poca stima di sé, fanno sì che si cada nel baratro.

    Tutto questo però, mi pare imponga una distinzione. Non penso infatti si possa mettere sullo stesso piano chi soffre di questo disturbo (a prescindere dalle cause) e chi, pur non soffrendone (ancora), fa di tutto per cascarci, tipo ad esempio la ragazza che citavo nel mio post.

    Per questa, che lucidamente e consapevolmente sceglie di farsi del male, e cerca di trascinarsi dietro altre, mi pare che la zappa che citavi tu Nad nel tuo primo intervento sia effettivamente la cura migliore.

    RispondiElimina
  10. ecco. Ci siamo, ora ti quoto tutto :-)

    RispondiElimina
  11. Certo la tv puo' essere un contorno, ma non in tutti i casi. A furia di bombardare la mente con determinati modelli di vita o determinate cose la gente si rimbecillisce (per usare un eufemismo) al punto da farsi male. Non ci credete?

    Leggete un po' qua cosa puo' fare la tv (anche se il contesto e' diverso)

    http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/09_Settembre/29/casalinga.shtml

    Ciao

    Gaetano

    RispondiElimina
  12. scusate! Come al solito sono un casinaro da premio oscar!

    ecco il link


    http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2005/09_Settembre/29/casalinga.shtml

    RispondiElimina
  13. Beh, la signora è stata anche un pochino sfigata. Non riconosce più il marito e la figlia e riconosce Berlusconi.

    Come si suol dire, "dalla padella alla brace". ^_^

    RispondiElimina
  14. ahhhhh fantastico. Questa notizia girava già un annetto fa e credevo fosse una leggenda metropolitana. A me piace tanto Berlusconi... ma tanto tanto.

    RispondiElimina
  15. Dall'articolo del Corriere cito, testualmente:

    "Una sola foto ha dato un netto risultato, quella, appunto, di Silvio Berlusconi"

    "La sola altra vera, stabile, eccezione era l’immagine di Cristo in croce"

    Dal momento che ci deve essere sicuramente un nesso tra le due cose, e' logico concludere che l'ex presidente operaio e' effettivamente "l'unto del Signore" anche se noi farisei, comunisti e mangiabambini (o cuocibambini nel caso dei cinesi) non abbiamo creduto in tale affermazione e, anzi, abbiamo continuato a sbeffeggiarlo e deriderlo mentre lui lavorava indefessamente esclusivamente per il bene di noi peccatori.

    :-)

    RispondiElimina
  16. > "...Dal momento che ci deve essere sicuramente un nesso tra le due cose..."

    Sì, c'è. ^_^

    RispondiElimina

L'attentato a Trump

Già la rielezione di Trump era fino a oggi piuttosto probabile, adesso direi che sia quasi sicura. L'immagine di lui col viso insanguina...