sabato 1 aprile 2023

Branduardi a Cervia


Ieri sera sono andato a Cervia, dove Angelo Branduardi presentava la sua biografia appena uscita. Bellissima serata. Lui è andato a ruota libera, raccontando infiniti aneddoti ed episodi relativi alla sua vita e alla sua attività artistica. Alcuni mi hanno fatto sorridere e mi hanno colpito. 
 
Una cosa degna di nota è il fatto che si diplomò in violino a pieni voti, al conservatorio di Genova, all'età di soli 16 anni, ed è quindi tuttora tra i più giovani diplomati al conservatorio d'Italia. La passione per la musica, in particolare classica, gli fu trasmessa dal padre, che era melomane. Suo padre era un verdiano sfegatato, lui è sempre stato wagneriano. Questa diversità di vedute è stata negli anni il costante motivo di bonari contrasti tra i due. Per Angelo Branduardi Giuseppe Verdi era appena qualcosa di più di un "canzonettiere", Wagner rappresentava invece l'impero della musica. E quanto s'incavolava, suo padre, ogni volta che il figlio glielo diceva. 
 
Un'altra cosa che mi ha colpito è stata l'aver detto che alcune sue canzoni, come la celeberrima Alla fiera dell'est, oggi vengono insegnate ai bambini nelle scuole e questo è come se gli regalasse una sorta di immortalità. Ma i bambini non lo conoscono, anche se imparano le sue canzoni, quindi queste canzoni - dice - "non sono più mie, sono diventate patrimonio e costume del paese e di tutti, e a me questa cosa piace moltissimo." 
 
Il suo essere così alla mano, disponibile, loquace, schietto mi ha lasciato una bellissima impressione di questo artista, che finora avevo conosciuto solo tramite i suoi dischi. Da oggi gli voglio, se possibile, ancora un po' più bene.

8 commenti:

  1. Sono particolarmente legato a L'infinitamente piccolo, di Branduardi, storia di San Francesco con musiche e melodie rinascimentali di grande fascino e spiritualità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha parlato molto di quel disco e degli aneddoti relativi alla sua genesi :-)

      Elimina
  2. Gran musicista e uomo. Bello il suo pensiero sulla canzone che non è più sua...
    :-)

    RispondiElimina
  3. come si può definire Verdi poco più di un canzonettiere? ma sta bene quest'uomo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino fosse ironico. Per dire come preferisse di gran lunga Wagner.

      Elimina
  4. Siamo stati al suo concerto a La Spezia ed è stato veramente bello! Sul palco,tra una canzone e l'altra, parlava, strappandoci emozioni e sorrisi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai visto in concerto, purtroppo. Qualche mese fa è andata mia figlia maggiore a vederlo, a Bologna, e ha detto che è stato strepitoso.

      Elimina

Tra astensionismo e Paola Cortellesi

Continuano a circolare sui social post indignati in cui si mette in correlazione la quota di astenuti alle europee dello scorso weekend col ...