sabato 4 giugno 2022

19 milioni di evasori

Naturalmente nessuno pensa che i 19 milioni di evasori fiscali conteggiati dall'Agenzia delle entrate, in cui sono compresi singoli contribuenti, società, ditte, partite Iva ecc. siano composti interamente da furbi. Certo, ci sono anche quelli, e probabilmente sono la maggioranza, ma in quell'insieme di soggetti ci sono anche persone in reale difficoltà per i più disparati motivi; rimane comunque il fatto che l'evasione fiscale, da tempo immemorabile, è uno dei problemi più grandi che attanagliano il nostro paese e che contribuisce a ridurlo nello stato in cui di trova.

Il non riscosso dal fisco, a oggi, ammonta a 1100 miliardi di euro e l'entità media annua del mancato gettito è di circa 70-80 miliardi. Giusto per fare un paragone, i furbetti del tanto vituperato reddito di cittadinanza hanno sottratto illecitamente alle casse dello stato 48 milioni in tre anni, una goccia nel mare magnum dell'evasione fiscale, e tuttavia questa goccia viene sistematicamente usata dai detrattori del provvedimento per giustificarne l'abrogazione: il vecchio e mai passato di moda discorso del dito e della Luna.

15 commenti:

  1. l'Italia ha un debito pubblico di 2700 miliardi di euro, che due anni di riscossione completa "forse" sanerebbero, ma più che puntare sull'evasione del singolo furbetto, punterei sulle grandi evasioni, come è accaduto per Netflix, o per giochi e lotterie varie dove il non versato raggiunge cifre ragguardevoli. Ma è burocraticamente più conveniente perseguire il cittadino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tagliare, tagliare: no tasse? No servizi.
      Fine.

      Elimina
    2. Invece l'Italia è il.mercato europeo n. 1 per la Mercedes.
      Come i greci, furbi ufficialmente straccioni col ferro di lusso.

      Elimina
    3. @ Pier: verissimo, è così da sempre.

      Elimina
  2. sono una partita Iva, scontrini fiscali elettronici, fatture elettroniche, tutti i clienti che vogliono sconto in fattura o avvalersi di agevolazioni fiscali di rimborsi da almeno 10 anni. Mi spieghi come potrei essere un evasore fiscale? Probabilmente c'è chi è più furbo di me. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono un lavoratore dipendente, quindi non posso certo spiegarlo. Forse lo potrebbe spiegare sia a me che a te qualcuno di quel 52% di partite Iva che evade.
      Ciao Valeria.

      Elimina
  3. Un mio amico anarchico, a proposito della Vsl Susa, diceva :- lo stato utilizza i soldi dei cittadini contro di loro.
    Io gli rispondevo :- sì, anche per farcirmi treni e vie e stazioni di criminali stranieri. Si incazzava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È strano che una stupidaggine del genere possa provocare come reazione un'incazzatura, io mi sarei limitato a una moderata compassione.

      Elimina
    2. Beh, mi sembra che a trasognanti e metafisiche narrazioni io sia in ottima compagnia. I tuoi commenti non potrebbero più illuminanti al riguardo.
      In generale, mi sembra che più che un uomo in cammino tu sia una scimmia che si arrampica sull'albero del mondo a senso unico e privo di complessità che si è costruito.
      Contento te...

      Elimina
  4. È colpa anche degli evasori fiscali se le ASL fanno le "difficili" per riconoscere dei casi di invalidità del 100%. Nessuna scusante o giustificazione per me: le tasse non pagate dai "poveracci" sono piccola cosa rispetto a quanto evaso da ricconi con conti all'estero e la faccia tosta di frequentare magari anche salotti televisivi e aule parlamentari! Ma 'a livella verrà anche per loro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande o piccola che sia, l'evasione difficilmente viene contrastata, per il semplice motivo che l'esercito che evade vota. Non ricordo chi fosse, anni fa, a dire: "L'evasione fiscale vale 10 milioni di voti, è normale che non si combatta."

      Elimina
  5. Le infinite complessità sono parte di un mondo che non è solo bianco o solo nero, ma per essere comprese occorrono livelli intellettivi e aperture mentali che non sono prerogativa di tutti, meno che mai di quelli che pretendono di incartarci il pesce.
    Quindi torna pure nel tuo piccolo mondo confortante e costruito su misura per il tuo intelletto.
    Spero che il risveglio non dia troppo brusco.

    RispondiElimina
  6. Tutti evadono.
    Quando un insegnante privato si fa pagare in nero, l'insegnante (dipendente pubblico) evade l'Irpef e il cliente l'iva. Lo stesso dicasi di tutti i rapporti commerciali o professionali: medici, idraulici, parrucchieri... Per non parlare del lavoro domestico: hai mai visto una colf o una badante accettare (accettare, perché spesso e volentieri sono loro a non voler essere messe in regola) di essere assunta? Ne avrei di esempi! Una mia amica, all'epoca impiegata in banca, aveva alle sue dipendenze colf e baby sitter entrambe in nero: un "do ut des" secondo lei, lei che però esigeva per se stessa il riconoscimento di tutti i suoi diritti, ferie malattie contributi eccetera.
    Questa forma di evasione è come le perdite della rete idrica: fatta di mille e mille piccole inadempienze che non vale la pena rintracciare ma che nel complesso causano danni enormi.
    Troppo facile dire che l'evasione fiscale è colpa delle piva, troppo facile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno ha detto che l'evasione è colpa delle PI. I dati dicono che il 52% dell'evasione è generato dalle PI, quindi il restante 48 è generato da altri soggetti.

      Elimina
    2. È chiaro, ma gli "altri soggetti" non si riconoscono nella descrizione e, quindi, si auto-assolvono.

      Elimina

Le distanze dal fascismo

La signora Meloni, già in odore di investitura a PresDelCons, ha cominciato a fare qualche dichiarazione in chiave disconoscitrice del vent...