mercoledì 29 giugno 2022

Anziani

Nella palazzina accanto a casa mia vivono tre persone molto anziane: Armando e Giovanni hanno più di 90 anni, la signora Elsa 89. Armando e Giovanni mostrano tutti i segni dell'età che hanno: camminata lenta, un po' strascicata, qualche difficoltà nei movimenti. La signora Elsa mostra invece, ancora, una certa scioltezza. La sera si ritrovano tutti e tre nel cortile della palazzina, seduti su delle sedie, a chiacchierare, e io li vedo quando passo a piedi per andare a gettare l'immondizia. Con loro c'è Svetlana, la badante russa di Giovanni. 

Ogni volta che li vedo mi viene sempre da pensare a quanto, in fondo, è breve la vita, e mi vengono in mente questi versi di De Gregori: "Vent'anni sembrano pochi, poi ti volti a guardarli e non li trovi più." Poi, tra me e me, mi domando: Chissà se pensano mai, magari senza dirselo, a chi di loro tre se ne andrà per primo?

6 commenti:

  1. Non è stata sanzionata la badante? Che vecchietto impunito..

    RispondiElimina
  2. sai cosa ti dico i miei amici più sinceri sono tutti anziani dagli 80 ai 90, che io vada spesso a trovarli non ne ho mai fatto mistero nel mio blog, che mi fido più di loro che dei 50 anni che conosco nemmeno. Loro sono un patrimonio di cultura infinita, scherziamo, giochiamo a scala quaranta, altri mi raccontano storie di vita o uno che si chiama Pusot è un maestro perchè costruisce giochi di legno nel suo garage e io sono sempre li. A volte porto un gelato ora fa caldo. Io dico sempre ai miei figli, se devo invecchiare come loro va bene, altrimenti non voglio darvi fastidi di vivere in un letto o fuori di testa, rinchiudetemi in una struttura. Mi chiamano Pucinot come mio nonno ed è bellissimo è segno di affetto.

    RispondiElimina
  3. Bello. Comunque io ho 52 anni, ma di me ti puoi fidare :-)

    RispondiElimina
  4. Secondo me se lo dicono, a quell' età si può dire tutto.

    RispondiElimina
  5. Gli anziani sono libri di esperienze. Uno di loro che se ne va è un libro di Storia in meno a nostra disposizione.

    RispondiElimina

Urlare (quando si è opposizione)

Giulio Cavalli fa notare come sia facile, dai banchi dell'opposizione, strillare cose come "la pacchia è finita", l'Italia...