sabato 27 luglio 2019

Il Mediterraneo e Hitler

Viviamo in un periodo storico che vede il Mediterraneo assolvere a una funzione che non gli è propria, quella di cimitero. Un cimitero di cui nessuno è in grado di valutare con esattezza l'estensione né il numero di persone che ospita. È un cimitero anche un po' anomalo, se vogliamo, perché a differenza dei cimiteri classici tende a restituire parte delle vittime ributtandole sulle spiagge. Dà un po' l'idea che il Mediterraneo voglia renderci edotti circa quello che sta succedendo perché noi non lo vediamo, oppure non lo vogliamo vedere; è come se volesse ricordarci di essere semplicemente un mare, non un cimitero e di provvedere affinché esso torni a esercitare la funzione che gli è propria.

E qual è il lato paradossale di questa situazione? Che i paesi che dovrebbero adoperarsi per fare sì che il mare torni a essere quello che è e non un cimitero, si adoperano invece con protervia, e avendo pure il coraggio di filosofare sui perché, esattamente nel senso opposto, smantellando scientemente i vari sistemi di soccorso e, non paghi di questo, criminalizzando per legge chi osi agire per porre fine a questo stato di cose.

Al di là dei mille artifici retorici che ogni giorno ci vengono propalati per giustificare questo aberrante comportamento, c'è una realtà incontrovertibile: abbiamo criminalizzato per legge chi salva vite. È come se - faccio un esempio un po' forzato, ma è per rendere meglio l'idea - un grande palazzo andasse in fiamme e non solo si impedisse a chi scappa di mettersi in salvo, ma si impedissero anche i soccorsi.

Non so, magari tra molti anni gli storici guarderanno con perplessità a quello che sta succedendo oggi, e forse si chiederanno come sia stato possibile che tutti sapessero cosa succedeva nei lager libici e non solo nessuno avesse fatto niente, ma ci si adoperasse pure per impedire che chi fuggiva si salvasse. Una domanda a cui non troveranno risposta, allo stesso modo in cui noi, oggi, ancora non riusciamo a spiegarci come mai tutto il mondo sapeva ciò che succedeva nei lager della Polonia occupata da Hitler e nessuno abbia mosso un dito.

Nessun commento:

Posta un commento

Buchi di memoria

Non credo capiti solo a me di svegliarmi al mattino con in testa una canzone. Stamattina, in macchina, canticchiavo una vecchia canzone di B...