sabato 6 ottobre 2018

Personaggi

Nel libro autobiografico On writing, Stephen King dice che nei romanzi i personaggi, quelli principali come quelli di contorno, devono essere appena tratteggiati, non descritti approfonditamente, perché sarà poi il lettore a dare ad essi la fisionomia che preferisce tramite la propria immaginazione, e anche perché, dice sempre lo scrittore, è la storia che conta maggiormente rispetto alle figure che si muovono in essa.

Mi è venuta in mente questa cosa poc'anzi, dopo aver notato che Dostoevskij, in Delitto e castigo, riempie quasi una pagina intera per descrivere il commissario di polizia Porfirij Petròvic.

4 commenti:

  1. non ho mai letto king, ma Dostoevskij sì, ed è anche uno dei miei scrittori preferiti.
    non sono molto d'accordo con questo King, e tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto tutto di King. Di Dostoevskij questo è il secondo. Penso che ogni scrittore abbia un proprio stile e un proprio modo di scrivere e raccontare. Diciamo che se un libro è bello, sono d'accordo con entrambi.

      Elimina
  2. anche lo stesso king non ci va leggero con i vari personaggi di It, per fare un esempio.
    In ogni caso lo ritengo piuttosto sopravvalutato come scrittore, salvo alcuni romanzi è il re...
    il re della prolissità.

    RispondiElimina
  3. After examine a number of of the blog posts in your web site now, and I really like your method of blogging. I bookmarked it to my bookmark website record and will likely be checking again soon. Pls try my site as effectively and let me know what you think. casino real money

    RispondiElimina

Obiezione di coscienza

Tra tutto ciò che ho letto e ascoltato relativamente all'obiezione di coscienza in campo medico, le parole più belle e condivisibili le ...