venerdì 13 aprile 2012

La non italianità dell'evasore

A me sta simpatico nonno Napolitano, ma vorrei fargli notare che "chi evade le tasse non merita di essere italiano" sono parole al vento. Specie se si considera che molti, almeno dal punto di vista fiscale, italiani non si sentono di sicuro, dal momento che esportano già da tempo i loro bei capitali all'estero per non pagarci su le tasse. E poi, non appena il governo di turno fa un bello scudo fiscale, facendo pagare loro una cretinata per mettersi in regola e garantendogli l'anonimato, li fanno tranquillamente rientrare.

Se poi si considera che l'ultimo di questi scudi fiscali, targato Pdl, Napolitano l'ha firmato senza dire bau, beh, si capisce bene perché le sue sono parole inutili.

Nessun commento:

Posta un commento