martedì 24 marzo 2020

Dove sono le ONG?

Se lo chiedono Annalisa Chirico, prestigiosissima firma del Foglio di Ferrara, il giornale preferito dal mio pescivendolo, e Bruno Vespa, entrambi, Vespa e la Chirico, evidentemente a corto di cose più importanti da fare in questi periodi di quarantena obbligata. In fondo, avranno pensato, anche in presenza di una malattia che uccide svariate centinaia di persone al giorno c'è spazio per polemizzare, no? E quale boccone più ghiotto delle tanto vituperate ONG, quelle che ci riempiono di clandestini che non servono a niente mentre adesso che potrebbero fare qualcosa di utile si sono eclissate?

Quindi queste ONG sono davvero sparite dalla circolazione? No, ma a differenza di Vespa e la Chirico lavorano nel silenzio, non polemizzano inutilmente sui social. Medici senza frontiere, ad esempio, ha proprio personale dislocato in vari ospedali del lodigiano, compreso quello di Codogno, da dove tutto è cominciato. Qui e qui ci sono rapporti dettagliati sulle loro attività a supporto del personale sanitario locale.

Anche Emergency di Gino Strada non si è eclissata, come pensano Vespa e la Chirico, ed è scesa in campo principalmente nel milanese. "Emergency ha messo a disposizione delle autorità sanitarie italiane le competenze acquisite negli ultimi anni con l'epidemia di Ebola del 2014/2015 in Sierra Leone. L'Ong fondata da Gino Strada e sua moglie Teresa Sarti ha messo in campo molte iniziative utili a partire da quella di Milano: 'In risposta all’appello fatto dal Comune nell’ambito della piattaforma Milano Aiuta, abbiamo attivato un servizio per le richieste di trasporto di beni (alimentari, farmaci o altri beni di prima necessità) per gli over 65, coloro a cui è stata ordinata la quarantena e le persone fragili a rischio movimento'".

L'elenco completo delle organizzazioni non governative scese in campo a fianco dei medici italiani è qui, con buona pace di Bruno Vespa, di Annalisa Chirico e tutta la folta schiera di quelli che, obbligati a stare in casa, invece di leggere un libro preferiscono attivare polemiche idiote anche in tempi drammatici come questo.

18 commenti:

  1. Qualcuno chieda a Bruno Vespa, come può, un giornalista autentico, ignorare un fatto del genere.
    E i suo lecchini che fanno, dormono?
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti non lo ignora. Lo fa solo per il gusto di lanciare l'ennesima polemica contro le ONG.

      Elimina
  2. Sul foglio per il pescivendolo non si può far niente, è privato; ma Bzzzz lavora nella televisione di stato; non potrebbe il governo una buona volta imporre una moratoria su questi programmi di "attualità" che sono in realtà delle fogne a cielo aperto? Non è forse lo stato il maggior azionista, per non dire unico, della sua televisione?

    RispondiElimina
  3. È privato, sì, ma per vent'anni è stato lautamente foraggiato con soldi pubblici (54 mln euro).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già; ma purtroppo temo che questo non basti al governo per bloccarne la pubblicazione. Non che qualcuno abbia intenzione di bloccare il programma di Bzzzz, in ogni caso: tutti e due continueranno esattamente come hanno fatto finora.

      Elimina
  4. E' che stando chiusi in casa, i cervelli di certe persone diventano ancora più vuoti e mollicci di quanto siano già. Quindi, per potersi guadagnare qualche centinaio d'euro, devono pur dare fiato alla bocca e sparare cretinate.
    Chi fa informazione, dovrebbe prima di tutto informarsi. Ma qui c'è chi sorvola.

    RispondiElimina
  5. Sarei molto grato al tuo pescivendolo se potesse assumere la "prestigiosissima firma del foglio" nella sua ditta. Prova a chiederglielo, Andrea, potrebbe avere un futuro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabato mattina dovrebbe venire. Glielo chiederò :)

      Elimina
  6. Dato che non è possibile che questi due (non saprei come definirli) non sappiano che ci sono parecchie ONG sul campo è ovvio che sono in sfacciata malafede. Facce come il ...

    RispondiElimina
  7. Alcuni giornali non fanno informazione ma... tendenza.
    Bravo! Li hai colpiti nei denti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, non servirà a niente, purtroppo.

      Elimina
    2. Chi può dire quando la parola-seme gemmerà?

      Elimina
  8. Trovo strano questa tirata contro qualcuno dei pochi giornalisti televisivi fuori dal coro, vorreste forse che l'informazione si conformasse TOTALMENTE all'idea che la sinistra ha nei confronti dell'immigrazione clandestina? La quasi totalità dei media Bergoglio compreso difende l'operato delle ONG e l'immissione di centinaia di migliaia di sconosciuti senza arte ne parte nel tessuto sociale italiano. Per te e i tuoi commentatori, tutti schierati vedo, questo non solo è normale ma doveroso!
    Che alcuni dei MSF del noto picchiatore rosso Gino Strada diano un mano a Codogno non toglie il danno che la bomba sociale da esse immessa in Italia ha provocato.
    Vorresti che tutti in Italia la pensassero come Strada? Che non fosse possibile esprimere con identica forza una opinione contraria? Che idea hai della libertà d'espressione e della democrazia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della libertà d'espressione ho la massima considerazione. Della libertà di dire cazzate, e in questo caso quelle di Vespa e della Chirico sono cazzate, non ho alcuna considerazione. Non mi interessa che tutti in Italia la pensino come Strada o come Salvini, mi stanno sulle scatole le balle. Tutto qua.

      Elimina
  9. Quelle che tu definisci balle fanno riferimento a dati molto diversi dai tuoi.Credo che tu abbia considerazione esclusivamente delle fonti che collimano col tuo trend di riferimento e questo è un grosso problema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle che definisco balle sono le dichiarazioni della Chirico e di Vespa, i quali, provocatoriamente, si chiedevano dove fossero le ONG pur sapendo benissimo dov'erano. Il "trend di riferimento" non c'entra nulla con quanto scrivo nel mio post. Se vogliamo stare sul fatto in questione, bene, se vogliamo dare aria alla bocca e tirare in ballo cose che col mio post non c'entrano nulla, liberissimo, ma altrove.
      Grazie.

      Elimina